DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris & Arctika

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix, PGV 2

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 4 giorni, 8 ore

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121122123124125
Parte 26 :126127128129130
Parte 27 :131132133134135
Parte 28 :136137138139140
Parte 29 :141142143144145
Parte 30 :146147148149150
[Chapter Cover]
Parte 19, Capitolo 91.

PARTE DICIANNOVE - VIA AL SECONDO TURNO!

Capitolo 91

Tradotto da ValentDs e Transporter


Nappa si riscaldò facendo un po’ di stretching. Il Saiyan era conscio del fatto che doveva affrontare nuovamente Freezer faccia a faccia. Il più giovane dei Demoni del Freddo dell'Universo 8, Lord Freezer, non si era ancora mosso.

“Oh!” intervenne Kakaroth, appoggiando la mano sulla spalla di Radish. “Adesso Freezer schiaccerà Nappa!”. Egli sorrise, crudelmente. “Sempre che prima non lo faccia il ring stesso!”

“Stupido!” sbuffò Radish. “Nappa è in grado di sopportare tranquillamente questa gravità. Ci siamo allenati per questo ed altro!”

Infatti, ogni Saiyan nato e cresciuto nel suo pianeta natale era stato abituato ad una gravità dieci volte superiore a quella della Terra. Ma durante i loro viaggi nello spazio, per decadi dopo la distruzione del loro pianeta, i Saiyan sopravvissuti avevano avuto varie opportunità per aumentare la loro resistenza aldilà della sola gravità dieci volte superiore. Oggi, nessuno di loro avrebbe avuto serie difficoltà con una semplice gravità x100. Naturalmente, non era nemmeno da considerare il fatto che Nappa e Radish potevano trasformarsi nella loro forma Oozaru per accrescere notevolmente le loro stesse capacità.

Nonostante tutto, Radish concordava sul fatto che Nappa avrebbe probabilmente perso l'incontro prima ancora di cominciarlo. Sia lui che Nappa erano piuttosto forti ora, ma non abbastanza. Nemmeno Vegeta aveva battuto Freezer all'inizio, e Nappa non era abbastanza forte da gestire la gravità x100, come un Super Saiyan. Inoltre, vincere senza la trasformazione si sarebbe rivelato piuttosto difficoltoso.

“Poco fa abbiamo preparato anche un piccolo espediente, fratello. Vedrai, sarà fantastico!” concluse Radish.

Mentre Nappa lasciava l'area dell'Universo 13, dirigendosi verso il ring, Freezer continuava a parlare con suo fratello e suo padre. Se stesse discutendo di strategie o del suo disgusto verso i Saiyan, non aveva importanza. Quando Nappa lo chiamò all'improvviso, lui si irrigidì.

“Ehi, palla da biliardo!”

Il Demone del Freddo, riconoscendo l'irritante voce del Saiyan, spalancò gli occhi. Furibondo, lentamente girò la testa verso Nappa.

“Ahahah! Si è girato da questa parte! Il piccoletto riconosce subito quando viene chiamato, non è vero?!”

Il fratello del demone, Cooler, cominciò a ridacchiare, generando ulteriore frustrazione in Freezer. Strinse subito i denti e abbassò la testa. Se non fosse stato per le regole del torneo, avrebbe schiacciato Nappa senza alcuna esitazione. Tuttavia, cercando di controllarsi più che poteva, Freezer riuscì a stare in silenzio.

Nappa, però, non voleva proprio lasciarlo stare.

“Non preoccuparti, anch'io sono pelato. Ma almeno io non sono un nano.” Il ghigno del Saiyan aumentava ad ogni provocazione. “Comunque, volevo semplicemente presentarmi come tuo prossimo avversario. Inoltre, eri il mio ex superiore... anzi, dovrei dire 'piccolo capo'.”

Una grossa vena apparve sulla fronte di Freezer; il tiranno stava imprecando sottovoce. Egli aveva raggiunto il limite, era la goccia che aveva fatto traboccare il vaso. Ma Nappa, con disinvoltura, continuò la conversazione. Il suo tono era tranquillo e spavaldo, come sempre.

“Così tanti universi pieni di Saiyan... e uno solo con i Demoni del Freddo. Spero che tu non provi troppa vergogna...”

Fu semplicemente troppo da sopportare per Freezer; la sua pazienza era stata superata da un pezzo!

“Ti eliminerò nell'istante in cui metterai piede sul ring, scimmia arrogante!”

Lo sforzo che gli ci voleva per astenersi dal prendere a pugni il Saiyan era inimmaginabile, ma sapeva che era solo una questione di secondi prima dell'inizio del combattimento. Voleva muoversi quel maledetto Varga ad annunciare l'incontro!!?

“Aspetta e spera! Non riuscirai nemmeno a toccarmi!” Nappa rise, alzando la mano e facendo cenno a Freezer di qualcosa. “L'avrai capito ora, ma forse sei troppo basso per aver osservato tutti i combattimenti. Ecco... Te lo spiegherò. Qui ti superano tutti. E non parlo dell'altezza...” aggiunse con un sorriso. “Non sarai in grado di colpire nessuno, in questo torneo!”

“Miserabile insolente! Ti farò soffrire talmente tanto, che rimpiangerai il fatto di non esserti arreso!” gridò Freezer, sperando di mettere a tacere il suo avversario 'bocca-larga'.

Dopo tutto quello che aveva dovuto subire, il Demone del Freddo stava praticamente tremando; non stava nella pelle dal gettarsi su Nappa. Prima l'avrebbe colpito duramente di rabbia, poi gli avrebbe causato una morte lenta e dolorosa. Prima della fine combattimento, voleva vedere Nappa che gli implorava pietà!

“Bene, signore e signori! Il nostro primo match inizierà ora! Nappa dell'Universo 13 contro Freezer dell'Universo 8!” annunciò finalmente il Varga. Gli applausi del pubblico risuonarono di nuovo nell'arena, mentre le grida si levavano nell'aria, per incoraggiare i guerrieri.

Nappa si diresse verso il ring, ma si fermò a pochi metri da terra, prendendo al volo un'altra occasione per farsi beffa di Freezer.

“Oh, hai ancora quella sedia volante? Sai, credevamo tutti che ti mancassero le gambe!”

Gli impulsi omicidi di Freezer non erano più in grado di essere contenuti; scomparve e riapparve all'interno del ring istantaneamente. "Stai per... soffrire!" urlò, respirando pesantemente ad ogni parola.

Prendendosi il suo tempo, con un sorriso sulle labbra, Nappa lentamente si avvicinava al ring. "Ehi, mi sembri infuriato. Devo dedurre sia un capriccio del piccolo capo? Beh, questo è quello che farebbe una piccola principessa viziata credo.”

Agitandosi sempre più, Freezer urlò a squarciagola. “TOCCA IL RING, COSÌ POSSO FINIRTI, SPORCA SCIMMIA!”

"Oh, caro... Sono assolutamente terrorizzato," ridacchiò Nappa. "Sei suscettibile, amico. Rilassati un po'". Il Saiyan non era ancora atterrato sul ring, in bilico a pochi centimetri sopra di esso mentre prendeva in giro il tiranno responsabile della distruzione del suo pianeta. Freezer aveva perso ogni controllo. I suoi pugni erano ormai stretti così forte che gli facevano male. Erano passati anni da quando aveva provato una rabbia simile a questa.

"A terra! Scimmia! Vieni giù! Io... ti ridurrò in poltiglia! Ti distruggerò! Ti pentirai di essere nato!"

Freezer stava perdendo tutta la sua lucidità, come se la sua mente fosse invasa da furia omicida. 'Questi maledetti Saiyan' pensò. 'Ho fatto bene ad annientare tempo fa queste scimmie insopportabili!'

Nappa sembrò esitare un attimo, preparandosi mentalmente. Poteva vincere? Non pensava a questo, ma al fatto che non aveva intenzione di far provare soddisfazione al suo avversario. E che dire di Freezer? Poteva il Demone del Freddo finirlo in un istante? Infine, si preparò a concludere il suo piano, mettendosi in piedi sulla superficie del ring. Immediatamente, si scagliò contro Freezer, usando la sua massima velocità.

Il Demone del Freddo, tuttora perso in una folle rabbia, spalancò gli occhi, scioccato dalla velocità del Saiyan. Prima che potesse reagire, Nappa lo aveva colpito direttamente sulla guancia, mandandolo a schiantarsi al suolo.

Il Saiyan, indietreggiando, si mise le mani sui fianchi e sorrise. "Ah, dolce vittoria! Che soddisfazione, è quella di mettere il terribile tiranno Freezer al suo posto!”. Anche se Vegeta aveva ucciso Freezer nel loro universo, a Nappa non era mai stata data la possibilità di vendicarsi personalmente.

Alzato in piedi, Freezer esplose di rabbia. Un'aura viola frastagliata lo circondò istantaneamente mentre gridò per rabbia e vergogna. Era stato preso in giro, manipolato, sfruttato... e lo detestava! Per non parlare del fatto che Nappa era di gran lunga più veloce e forte di quanto si fosse aspettato. Il livello del Saiyan era almeno paragonabile alla squadra Ginew.

Cercando di controllare la rabbia, Freezer calò la sua aura. La rabbia, però, rimase quasi palpabile nell'aria. Poi, gridando, si lanciò verso Nappa.

“Te ne pentirai!”

L'ora della sua vendetta era finalmente arrivata! Lo sciocco Saiyan era tutto suo, era ora che ne pagasse il prezzo. Il destino di Nappa era completamente nelle sue mani, un giocattolo di cui avrebbe potuto fare quello che voleva. "YAAA!!!!"

“Oh, a proposito,” lo interruppe precipitosamente Nappa. “Mi arrendo”.

"CO-COSA!?" esclamò Freezer, fermandosi a pochi metri di distanza dal suo avversario.

"Se mi toccherai anche solo con un dito, sarai squalificato", disse, aggiungendo la beffa al danno.

“Tu... BASTARDO!!!” urlò Freezer, quasi con la bava alla bocca.

"E la vittoria va a Freezer!" urlò il presentatore. "Nappa dell'Universo 13 ha abbandonato l'incontro."

Rapidamente, Nappa balzò fuori dal ring e rientrò nell'area del proprio universo. Radish, che lo aveva aiutato a ridefinire il suo piano, se ne stava lì con un gran sorriso sul volto. Poteva aver perso l'incontro, ma non c'era modo migliore di perderlo, tanto era stata grande la soddisfazione.

“Yeah!” disse Radish, battendo il cinque con il suo compare. Era stata una vittoria schiacciante per entrambi.

Fermo, immobile, Freezer rimase sul ring per alcuni secondi, non in grado di elaborare bene la sua 'vittoria'. Non parlava, anche se aveva l'impulso di urlare, il desiderio di distruggere tutto. Aveva anche considerato l'idea di terminare questo ridicolo torneo. Usando uno dei suoi colpi più potenti, poteva distruggere l'arena con tutti i presenti! Poi, però, riuscì a calmarsi un po' e tornò nella sua area, in silenzio.

Cooler e Re Cold, non si mossero né dissero nulla. Sapevano bene che non gli conveniva scuoterlo ulteriormente.

“Mio signore” disse timidamente Butter. “Sta bene?”

Queste furono le sue ultime parole. Esasperato, Freezer gettò il braccio verso l'espressione stupida del suo scagnozzo. La testa di Butter esplose immediatamente, il suo corpo rimase in posizione verticale per qualche secondo prima di cadere a terra proprio di fronte a Jeeth, terrorizzato.

Il Varga incaricato dell'Universo 8 si mosse cautamente verso di lui, completamente sbalordito. Non riusciva a parlare, sapendo di ciò che questo mostro era capace di fare e che se l'avesse fatto agitare avrebbe probabilmente subito un destino simile.

Notando ciò, Freezer si voltò verso di lui.

"Andiamo! Era del mio universo, e questi sono i MIEI soldati. Sono perfettamente libero di eliminare i miei uomini, se lo desidero!"

'Inoltre' pensò. 'C'è almeno una piccola possibilità che io abbia ucciso Ginew, se si era nascosto dentro Butter. Sarebbe la mia unica consolazione in tutto questo.'

Precipitandosi fuori dalla zona, Freezer si diresse lungo il corridoio per dirigersi verso la sua astronave, sperando di ottenere un po' di tanto attesa pace e tranquillità. Aveva bisogno di rilassarsi dopo tutto questo.

"Via con il prossimo match! Son Goku dell'Universo 18 contro C-17 dell'universo 14!"

"Chi lo sa..." ridacchiò il cyborg. "Sembra che finalmente sarò in grado di liberarmi da questa vecchia frustrazione."

C-17 era pronto. Dietro di lui era apparsa la sua sorella gemella. Stava andando a guardare questa lotta, per sostenere suo fratello. In più, se aveva bisogno di qualche altra motivazione per guardare l'incontro, questa era la presenza di Son Goku.

"Ah, finalmente!" sorrise Goku. "E' il mio turno, e contro un cyborg! Ho sempre voluto combattere contro uno di loro; era frustrante, perché non ne ho mai avuto la possibilità. Solo a pensarci mi sento eccitato!"

Goku ripensò a quando aveva sentito parlare dei due terribili cyborg responsabili degli orrendi eventi nel futuro di Trunks. Non vedeva l'ora di affrontarli da allora, ma non ne aveva mai avuto la possibilità. Successe tutto perché fu colpito al cuore da un virus giusto prima della loro comparsa. C-19 non era interessante se comparato con C-17 e C-18, e pure Cell era un'altra storia. Dopo quelle vicende, lui morì, per cui non ebbe mai realmente la possibilità di combattere con C-18. E dopo Bu... beh, semplicemente non gli sembrava il momento giusto, dopo quello che era successo. Ma oggi, finalmente, avrebbe avuto la sua rivincita su quello stupido virus che lo aveva paralizzato tanti anni fa.

"Ti rendi conto che andrai incontro a una delusione?", disse Vegeta, guardando l'altro Saiyan volare sul ring.

"Eh? Oh, beh, forse. Ma sarà comunque divertente!"

C-17 era già in attesa all'interno del ring, piuttosto impaziente. "Mah," sorrise, indicando se stesso con il pollice. "Uccidere Son Goku. Beh, lo faccio per me, non ha niente a che fare con quel vecchio"!

I gemelli dell'universo 14 erano cyborg creati dal Dr. Gelo, un brillante scienziato che era la mente dell'armata del Fiocco Rosso. Quando Goku era solo un ragazzo, aveva da solo smantellato l'armata del Fiocco Rosso, che voleva le Sfere del Drago per conquistare il mondo. Gelo era sfuggito dal suo destino per pura fortuna, ma l'attacco di Goku aveva distrutto l'intero esercito, con conseguenti contributi finanziari revocati. Il suo lavoro era stato ritardato a tempo indeterminato. Il lavoro di una vita, anni di duro lavoro distrutti da un ragazzino!

Aveva giurato vendetta e migliorato i suoi androidi. Il loro unico scopo: quello di eliminare Goku. C-16 era estremamente potente, ma dopo alcuni test, il dottore poté concludere che il meccanismo era troppo pacifico per obbedire. Era stato solo dopo che aveva catturato i due gemelli che aveva considerato di installare i suoi miglioramenti meccanici su base umana. Non avevano la forza di C-16, ma erano più che sufficienti per uccidere Goku.

Tuttavia, il problema era sorto presto: essi erano difficili da controllare. Anche il lavaggio del cervello era servito semplicemente per favorire la loro natura irrispettosa. Alla fine, nei vari Universi fu costretto a liberarli prima di saperli controllare, ed essi l'avevano ucciso. Eppure, anche senza il controllo di Gelo, i cyborg erano sempre aggrappati al desiderio di uccidere Goku; uno dei suoi programmi era rimasto attivo all'interno dei loro cervelli. Oggi, C-17 aveva l'opportunità di realizzare quel desiderio latente. Ma ancora non voleva accettare il fatto che fosse l'intenzione di Gelo, il 'creatore', un uomo che odiava più di ogni altra cosa.

"E' strano anche per me," disse Goku al cyborg. "Non abbiamo mai avuto la possibilità di scontrarci."

Goku si mise nella sua posizione di combattimento, sorridendo. C-17 fece lo stesso. Entrambi sorrisero. Poi, si caricarono l'un l'altro simultaneamente. I loro primi colpi erano abbastanza facili da bloccare, un semplice scambio. Atterrando schiena contro schiena, si fermarono un istante, girandosi e sorridendo a vicenda. Poi, ripartendo un'altra volta, la lotta riprese a piena potenza. Colpi multipli rimbombarono su tutta la superficie del ring. Piuttosto rapidamente, il cyborg riuscì a prendere il sopravvento in termini di velocità e di forza, anche se di poco. Goku, apparentemente divertito, era in grado di evitare la maggior parte degli attacchi del suo avversario. Un potente montante stava per colpirlo, ma il Saiyan lo scansò, portandosi a qualche metro di distanza. Goku sorrise, godendo a fondo della sua lotta. Finalmente stava combattendo contro uno dei cyborg!

"Mia sorella stava quasi per perdere contro un semplice umano come Yamcha, da quanto è debole. Ma come puoi vedere, non ho alcun problema ad affrontare il grande Son Goku!"

“Mhhh,” sorrise il Saiyan. “Così questa è la tua vera forza?”

“Ahah! No! Sto solo usando metà della mia potenza! E tu?”

“Anch'io mi stavo trattenendo. Che ne dici di fare sul serio?”

Goku si trasformò in un Super Saiyan, ma C-17 non si smosse. Aveva già visto tre di loro ancora prima del torneo. Tuttavia, fu subito sorpreso dalla velocità con cui Goku volò verso di lui. Poi, la forza travolgente del pugno di Goku lo colpì in pieno sulla guancia sinistra. La sua forza era irreale, e lo mise duramente a terra. Era privo di sensi prima ancora di cadere sul ring.

Goku, sorpreso e deluso, scosse la testa un po'. "Ops." Non si aspettava di battere il cyborg con un solo pugno, tanto più che aveva assestato un attacco particolarmente debole, per i suoi standard. Vegeta aveva ragione... era piuttosto deludente.

"Svenuto per 30 secondi!" disse il presentatore. "Il che significa che Son Goku è il vincitore!"

"Beh, cara" disse Yamcha, seduto sul bordo della zona dell'Universo 14. "Ti interessa ancora il mio aiuto?"

C-18 era troppo sconvolta per rispondere. Non poteva nemmeno guardare fuori dal ring, dove suo fratello era stato aiutato a rialzarsi da un Namecciano guaritore. Come potevano essere così deboli, quando avevano distrutto l'umanità? Avevano sconfitto Vegeta, Piccolo, e i terrestri Tenshinhan, Yamcha, Crilin e persino Gohan. In qualche modo, adesso, non solo Yamcha era più forte di loro, ma anche Goku... e lui era apparentemente molto più forte.

E che dire dell'offerta di Yamcha? C'era qualcosa di vero dietro tutto questo? Forse avrebbe dovuto prenderla in considerazione.

"Bene, allora? ti avevo detto che quel cyborg ti avrebbe fornito poco divertimento" disse Vegeta, suo amico e rivale, al suo ritorno.

"Già... E' stata colpa mia. Proprio come ieri, sono stato troppo veloce."

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu