DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 2 giorni, 5 ore

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121122123124125
Parte 26 :126127128129130
Parte 27 :131132133134135
Parte 28 :136137138139140
Parte 29 :141142143
[Chapter Cover]
Parte 3, Capitolo 15.

PARTE TRE - BU E UB SI FANNO ONORE!

Capitolo 15

In una delle camere assegnate all'Universo 4, un guerriero, risvegliato dalle esplosioni dei missili, sbadigliò. Si grattò l'antenna sulla sua testa, mentre sentiva una strana sensazione. Sentì qualcosa di molto... personale, non lontano da lì. La creatura bipede, di colore rosa, mosse alcuni passi verso l'uscita, arrivando ad osservare il ring in cui si stava svolgendo la lotta.

"Hmm ... così è ..." disse il grande guerriero ad alta voce tra sé.

Fece stretching in fretta, decidendo di lasciare lo spazio del suo rifugio... ed osservare i combattenti dell'Universo 19.

Dopo aver raccolto il suo braccio, Ub sentì improvvisamente una scarica di adrenalina dentro di sé. Il dolore svanì e non sentì alcuna fatica. Ma lui sapeva che tutto ciò era soltanto temporaneo. Doveva trovare un modo per curarsi.

Saltò rapidamente giù dal ring, atterrando di fronte ai suoi amici dell'Universo 18. "Presto! Potete risolvere questo problema?".

Istintivamente si diresse verso il suo maestro, Son Goku. Ma quest'ultimo, preso alla sprovvista, non sapeva cosa rispondere "Uhm...".

"Non sei stato abbastanza attento" disse Vegeta a testa alta, con le braccia incrociate e l'aria regale che amava utilizzare.

"Non è quello che sto dicendo!" esclamò il giovane, in preda al panico.

Andò in iperventilazione per alcuni secondi. Sentì i guerrieri dell'Universo 19 iniziare a muoversi. Alcuni si sentivano oltraggiati... ed era colpa sua...

"Ha ucciso Tidar!" gridò quello che tra loro sembrava il più irritato, saltando il muro di piccole dimensioni. Due, poi tre dei suoi colleghi, si affrettarono a trattenerlo.

Trunks e Goten, più che per curiosità, che per difendere il loro universo, si precipitarono verso di loro.

Trunks cercò di calmare le acque. "Non preoccuparti, tornerà in vita alla fine del torneo".

"Non avete nessun senzu?" chiese Ub, determinato a risolvere la sua priorità: guarire il suo braccio.

"Beh, no" rispose Goku.

Ub lasciò cadere la testa all'ingiù. Pensò disperatamente a sé stesso "Cosa posso fare?".

"Chiedi ad un Namecciano" propose Pan, notando il ritorno di Piccolo nel loro spazio.

"Ottima idea, Pan!".

Era stata promessa loro una cura nei limiti delle possibilità dei guaritori. Ma può un guaritore di Nameck ricostruire un intero braccio o riattaccarlo? Beh, quel giorno non era quello in cui i nostri eroi avrebbero appreso la risposta a questa domanda. Perché prima dell'arrivo degli organizzatori, qualcun'altro fece la sua proposta...

"Posso guarire il braccio" disse una voce dietro il ragazzo ad una sola mano "Ma dovrai fare qualcosa per me...".

Ub si voltò, trovandosi faccia a faccia con ... Babidy!

Il mago volò sopra il muretto, ma non superò il confine tra il muro dell'Universo 18 e il centro dell'arena. Era accompagnato da Majin Bu alla sua destra e da Darbula, che sorrise pigramente, alla sua sinistra. Dei tre, era il demone che sembrava più minaccioso. Babidy era tozzo e un po' vecchio, mentre Majin Bu sembrava un bambino grande e cicciottello. Le apparenze, in questo caso, erano sicuramente ingannevoli.

"Ah! Non saresti neanche tu a farlo. E' il tuo Majin Bu ad avere i poteri" rispose Ub con calma, mentre continuava a perdere sangue. "Mi vergogno del fatto che i miei poteri derivino da te!" disse infine guardando il Majin rosa.

Infatti, Ub aveva chiesto una volta al suo maestro da chi derivassero i suoi poteri. E Goku gli aveva spiegato tutto riguardo a Majin Bu e Babidy. In realtà, aveva approfittato del fatto per raccontare tutta la sua storia, dall'arrivo di Radish, al genocidio di Nameck ad opera di Freezer, fino al leggendario torneo indetto da Cell.

"Non siamo interessati alla vostra proposta ingannevole" disse Piccolo avvicinandosi, con le braccia conserte e con aria minacciosa, ma prudente.

"Peccato, continua a sanguinare allora" rispose Babidy, sorridendo e stringendosi nelle spalle.

Il braccio mozzato di Ub cominciò a brillare di una strana luce chiara e pallida. Con un suono indescrivibile, il suo braccio rientrò nella spalla sinistra. La ferita scomparve in un attimo, ed il braccio apparve completamente riattaccato. Anche alcuni pezzi d'abbigliamento stracciati, sembravano come nuovi.

Ub aveva ritrovato il suo corpo, ed era stato guarito dalla lotta: il suo respiro si calmò e la sua frequenza cardiaca scese della metà, facendo cessare il sudore. Ub restò sorpreso. Guardò Babidy... che era sorpreso a sua volta.

Lo stregone si voltò verso il suo Majin, sgridandolo "Bu! Non ti ho detto di guarirlo!".

Ma la grassa creatura non capiva cosa fosse successo. Tuttavia, colui che aveva guarito Ub si trovava nelle vicinanze. In piedi, dritto come la lettera I, con le braccia incrociate allo stesso modo di Vegeta, con la punta dell'antenna ancora incandescente. Rosa e muscoloso, con fori sulle braccia e sulla testa, la creatura aveva una strana espressione. Sembrava sia cordiale che aggressivo allo stesso tempo, dando l'impressione che non fosse stato saggio fargli un dispetto, ma che fosse possibile discuterci tranquillamente. Era ancora più strano per Ub, che per qualche motivo poco chiaro lo trovava più amichevole di chiunque altro.

Telepaticamente, Ub disse "Grazie mille!".

"E' ... Bu!" disse Piccolo, sudando freddo alla vista dell'essere che una volta aveva distrutto la Terra. Continuò ad essere preoccupato al pensiero di quando non riuscì ad affrontare Bu, una volta che fu assorbito con Gotenks, quando arrivò Gohan!

"Questo è lo stesso Bu con cui abbiamo combattuto" disse Goten, mentre Trunks annuiva alle sue spalle.

"No, guarda la sua antenna" lo corresse Gohan "Questo Bu sembra molto più forte...".

"L'ho fatto solo per dare una seccatura a Babidy" disse Bu infine, stufo delle ipotesi della gente su di lui. "O forse perché c'è un po di Bu in te" continuò, guardando Ub. "Oppure è il fatto che tutti voi esistete come assorbiti dentro di me, e quindi mi sento vicino a voi" concluse osservando i membri dell'Universo 18.

"Anch'io?" chiese Goku.

"Certo" rispose calmo e chiaro Bu... che fece seguire spiegazioni supplementari. "Tutto ciò che nell'universo esiste e possiede un determinato potere, ora è in me".

I guerrieri dell'Universo 18 non dissero una parola, con gli occhi fissi su quella che era stata la più grande minaccia per il loro mondo... inoltre, se avesse assorbito tutti nel suo universo, il fatto di poter nascondere il suo potere rendeva il tutto davvero fantastico! Tuttavia, da lui non emanava neanche una goccia di Ki. "Ecco perché non l'abbiamo sentito arrivare" concluse Gohan.

Accanto a loro, Babidy era rimasto congelato. Lui era lì! Prima di lui! Il VERO Majin Bu che aveva cercato di resuscitare! Non che si fosse torturato negli ultimi vent'anni con quel grande pallone rosa! In realtà, Babidy non aveva mai visto la creazione di suo padre prima di essere stata rilasciata. Aveva cercato di accumulare l'energia necessaria... solo per creare un bambino obeso!

"Majin Bu!" gridò, guardandolo euforico, alzando le braccia con la bocca spalancata.

"No".

Aveva risposto in modo semplice. Tuttavia, i suoi occhi erano stati duri... era così terrificante, che Babidy aveva immediatamente cessato le sue buffonate gioiose.

"Cosa vuoi dire con 'No'?" riuscì a chiedere, perplesso.

"Io non sono più Majin Bu. Sono soltanto Bu" sorrise diabolicamente, puntando poi il dito contro la squadra di Babidy. "Voglio dirvi che nel mio universo vi ho ucciso. Tu, Darbula, ti ho trasformato in un biscotto e ti ho mangiato. Per quanto riguarda Majin Bu, invece, l'ho assorbito".

"C-Com'è possibile questo? Hai alzato le mani contro il tuo padrone?".

Bu estese le sue braccia verso Babidy, illuminandole. Si stava preparando a sparare un potente getto di Ki.

"Tu non sei il mio padrone. Non lo sei mai stato..." disse in tono grave, mentre Babidy affrontava la più grande paura della sua vita.

Bu cessò la sua argomentazione abbassando le braccia. Si voltò senza dire altro e si incamminò verso il suo spazio: l'Universo 4.

"Un secondo!" urlò Goku, come stesse parlando con una persona comune. "Volevo sapere se hai assorbito tutto ciò che c'è nel tuo universo. Anche le case, le isole e i pianeti? Hai trasformato i soli in caramelle?".

Bu si batté la fronte, borbottando tra sé. Ovviamente avrebbe dovuto essere più chiaro parlando con Son Goku ... voltò le spalle e riconobbe tutto il gruppo... la piccola Videl era molto cambiata. I due piccoli Sayan erano diventati uomini, e... alcuni membri della famiglia gli erano completamente nuovi.

"Ho assorbito tutte le persone con un potere che mi interessava. Quelli con doni speciali o con particolari abilità. Se al tempo avessi avuto più cervello di Mr. Caramella, avrei assorbito Darbula, anziché mangiarlo. Come sapete non ci sono molte persone nell'universo degne di essere assorbite... ma insomma, non ho assorbito intere popolazioni".

Avrebbe voluto aggiungere per Videl "Sì... tuo padre è ancora vivo", ma sapeva che la frase poteva essere interpretata come un insulto alla sua mancanza di potere, piuttosto che come una buona notizia. Suo padre, nel suo universo, era molto probabilmente vivo. Tuttavia, preferì non iniziare la discussione, in quanto si sarebbe protratta a lungo, con dettagli non piacevoli per la signora...

Questo gruppo di terrestri non sapeva probabilmente che lui aveva ucciso tutti gli umani con un solo colpo di Ki, dopo una scusa di un disperato Piccolo. Bu non era più lo psicopatico omicida di allora.

Babidy, ancora spaventato, guardò Ub, per poi girare i tacchi e tornare nello spazio dell'Universo 11.

L'Universo 18 osservò Bu e la squadra di Babidy senza proferire parola.

Improvvisamente, dopo un momento, Ub ruppe il silenzio "I-io ... vado a chiedere scusa all'Universo 19...".

Goku era un po' sorpreso. Non disse nulla e seguì gli occhi del suo allievo. Non appena Ub arrivò allo spazio che delimitava l'Universo 19, due uomini gli si avvicinarono, mentre un altro teneva l'uomo che aveva cercato di aggredirlo in precedenza. Ub parlò con loro per decine di secondi, scusandosi ed inchinandosi. I due guerrieri con l'armatura lo guardarono per un attimo, poi uno di loro, dopo aver pensato in fretta, chiuse gli occhi, ed incrociando le braccia accettò a malincuore le sue scuse.

Quando Ub fece ritorno, Goku si congratulò con lui per aver appreso la morale di quest'esperienza. Scusarsi per la sua azione era un grande gesto. E accettare le scuse, per l'Universo 19, era altrettanto grande, se non di più! Come Ub tornò al suo fianco, Goku gli poggiò una mano sulla spalla sorridendo, ed il suo allievo gli restituì il sorriso, orgoglioso.

Il sorriso di Ub si sbiadì improvvisamente, mentre puntava il dito nella direzione opposta. "E' Vegeth? Sembra diretto all'Universo 4 di Bu".

"Hmm... hai ragione" confermò Goku "Mi chiedo cosa voglia".

Goten, nelle vicinanze, intervenne "Sai, è per metà te. Per questo avresti dovuto dire 'Cosa sto facendo?'".

"Cosa?" rispose semplicemente Goku.

"Idiota" replicò successivamente Trunks "Se è per metà lui, avrebbe dovuto dire... ehm... 'Cosa sta facendo il mezzo-me?' o 'Cosa fa il semi-me?'"...

Vegetà si batté la fronte. "Che infantilità! Tutto ciò è inutile!".

"Comunque, abbiamo fatto bene a portare qualche vestito in più, giusto?" disse Gohan a Goku ed Ub.

"Oh, sì! Andiamo a cambiarci, Ub" consigliò il maestro all'allievo.

"Va bene!" annuì Ub, dirigendosi verso la sua stanza.

Bu percepì l'arrivo di Vegeth. Il mostro rosa era in piedi, immobile, vicino al muro che separava il suo spazio, in attesa dell'arrivo della fusione Sayan.

Il Sayan, sorridente, lo salutò con una mano mentre si avvicinava, e poi raggiunse il muro, sedendosi.

"Hey!" salutò Vegeth "Non ti avevo visto qui".

"Nemmeno io" mentì Bu "Molto interessante...".

"Davvero? Ho pensato la stessa cosa. Credo tu abbia notato il combattente dell'Universo 20".

"Il cubo di ghiaccio? Sì, mi interessa, perché?".

"Voglio affrontarlo".

"E?".

"Voglio che tu mi aiuti".

"Assolutamente no. Quell'avversario sarà mio".

"Dai, lascialo a me. E ti prometto che lotteremo".

"Possiamo anche lottare dopo che l'ho sconfitto".

Una pausa si insinuò. I due guerrieri erano alla ricerca di una grande sfida. Sembravano d'accordo su alcuni punti.

"Senti, ho già combattuto contro di lui. Voglio sfidarlo ancora".

"Se hai già combattuto contro di lui, allora è il mio turno" replicò Bu, puntando il dito contro Vegeth.

"Se combatterai con Broly, io rifiuterò di battermi con te" disse Vegeth, incrociando le braccia e voltando la testa da un lato, imbronciato.

"Tu non hai scelta" ribatté Bu, che non aveva argomenti.

"Aha! Ammetti di poter imbrogliare per combattere con chi vuoi!".

"Non fingere, so che lo sai già".

"Hmm... sei molto intelligente" disse Vegeth con un sorriso.

"Non inganno nessuno. Dopotutto, io e te abbiamo molto in comune. E' grazie a Goku e Vegeta che sono dentro di me. Quella parte di me è entusiasta della lotta contro di te. Goku vuole affrontare il lato di Vegeta in te, mentre Vegeta vuole affrontare il lato di Kakaroth che è in te".

"Se non affronterò Broly, e mi troverò contro di te... io mi arrenderò".

"Non lo faresti mai".

"Ovviamente non mi conosci come credi. Vegeth è diverso da Vegeta e Kakaroth insieme" rispose il Sayan.

Vegeth era pronto ad andare. Fece due o tre passi e girò la testa leggermente. "Voglio combattere con Broly al primo turno... così mi lascerai ancora il tempo per pensare. Ci vediamo!".

Vegeth tornò nella sua stanza, lasciando Bu in procinto di pensare alla proposta. Mentre camminava, sorrideva. Sapeva che Bu poteva barare per combattere con chiunque volesse. Ma ciò che il guerriero nato dalla fusione non sapeva, è che Goku aveva fatto la stessa identica cosa, per confrontarsi con Ub al torneo Tenkaichi, dieci anni prima.

Al centro di comando, Varga e Namecciani erano impegnati nel ripristino del ring, per la ripresa dei combattimenti.

"La fusione del ring è completa" disse un Varga seduto al suo terminale, che mostrava come il ring fosse diventato una grande bolla di liquido verde.

"Perfetto. Date inizio alla solidificazione" ordinò un secondo Varga vicino a lui.

I dati furono pubblicati sullo schermo di un piccolo Varga bluastro. Il processo era andato liscio durante i primi minuti di solidificazione del ring.

"Il prossimo incontro sarà: Nail dell'Universo 10 contro Rekoom dell'Universo 8!" annunciò il commentatore, una volta terminata la solidificazione.

"Ah, si tratta di una lotta interessante" disse Piccolo, per la prima volta realmente interessato ad un combattimento.

"Un bell'incontro in prospettiva. E soprattutto ben equilibrato" pensò, mentre i due concorrenti salivano sul ring.

Fissò l'Universo 10. Nail si stava scaldando. Si preparò in fretta, ricevendo l'incoraggiamento dei suoi amici, tra cui Cargot, che aveva ripreso conoscenza per alcuni minuti. Avvertì Nail della potenza di Nappa e di prestare attenzione contro Rekoom. Anche se non erano dello stesso universo, il livello di potenza di Nappa testimoniava che tutti potevano essere così forti, se non di più.

Dopo un gesto di ringraziamento per il suo amico, Nail volò verso il ring, pronto per la sua lotta personale...

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu