DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris

Traduzione e Adattamento di Transporter

Parte 0 :0Parte 1 :12345Parte 2 :678910Parte 3 :1112131415Parte 4 :1617181920Parte 5 :2122232425Parte 6 :2627282930Parte 7 :3132333435Parte 8 :3637383940Parte 9 :4142434445Parte 10 :4647484950Parte 11 :5152535455Parte 12 :5657585960Parte 13 :6162636465Parte 14 :6667686970Parte 15 :7172737475Parte 16 :7677787980Parte 17 :8182838485Parte 18 :8687888990Parte 19 :9192939495Parte 20 :96979899100Parte 21 :101
[Chapter Cover]
Parte 9, Capitolo 45.

PARTE NOVE - LA TERRIBILE POTENZA DEL SUPER SAIYAN LEGGENDARIO!!

Capitolo 45

Vegeth, ora trasformato in Super Sayan 3, aveva aumentato il suo potere di dieci volte. Era molto più forte di Broly, che volava verso lo stadio alla massima velocità. Eppure, il Sayan continuava nei suoi sforzi, urlando ancora, aumentando la sua già enorme e fenomenale forza.

"Che... che potenza!" balbettò il Kaioshin dell'Est.

"Supera addirittura Broly, il Leggendario Super Sayan! E' davvero pericoloso!" disse la donna accanto a lui.

"Speriamo non impazzisca con un tale potere!" continuò il Kaioshin del Nord, sudando copiosamente.

Sulla loro sinistra, nell'Universo 2, i partecipanti e gli spettatori erano ancora più sbalorditi da tale potenza. Arale si divertiva, ed applaudiva lo spettacolo offerto da Vegeth, che sfoggiava una serie di fulmini e saette lungo il suo corpo, quasi come dei fuochi d'artificio.

"Molto bello!" disse con un ampio sorriso, senza rendersi conto che in questo torneo era senza speranza sin dall'inizio.

Nei pressi del gruppo dell'Universo 2, Tapion era ben lungi dal godere dello spettacolo di luci gialle e blu, offerto dal combattente al centro dello stadio.

"Per fortuna non è dalla mia parte del tabellone... sicuramente lo incontrerò in finale, anche se... mi auguro proprio che venga squalificato, nel frattempo... ma da dove viene, questo Super Sayan?".

Lasciò la sua frase a metà. Non riusciva a risolvere quella sorta di indovinello da solo. Ancor più che la sua origine, la domanda principale che aleggiava nella sua mente era: poteva sconfiggere quel suo pazzo avversario?

La potenza di Vegeth cominciava a straripare. Nello spazio 11, Babidy urlò a Bu di utilizzare ciò che la sua piccola mente chiamava 'magia buona'. Dietro di loro, Darbula era ancora morente... ci stava mettendo molto per andare all'altro mondo! Ciò iniziava ad esasperare Babidy!

Vicino a loro, un Sayan mezzosangue fu sorpreso.

"Cos'è questo? Un altro livello di Super Sayan? Questa è la stessa trasformazione utilizzata da Goku in precedenza" disse Trunks a C-16. "E' davvero incredibile!".

"La potenza di Vegeth si sta stabilizzando" disse piano l'androide. Ma Trunks immaginava già qualcosa di diverso.

"Se mio padre ha raggiunto questo livello... in ogni caso... ".

Non ebbe il tempo di terminare il suo pensiero, che C-16 lo interruppe.

"C'è ancora una possibilità, tieni duro".

Aveva appena finito la sua frase, quando Trunks iniziò a sentirsi improvvisamente più leggero. Qualcosa lo stava attirando verso l'alto... era la gravità difettosa dell'asteroide? C-16 non si spostava di un millimetro, probabilmente grazie a un sistema che permetteva ai suoi piedi di aderire ad una superficie. Trunks restò a terra utilizzando il suo ki, nello stesso modo in cui lo utilizzava per volare. Solo i suoi capelli sembrarono essere trascinati, volando verso l'alto ed esprimendo tutta la loro lunghezza. Dietro Trunks, il ragazzo che era caduto nel suo spazio, non riusciva a restare nelle tribune. Fu trascinato fino a raggiungere il bordo degli spalti, afferrandolo per non farsi trascinare.

Nell'Universo 8, i capelli bianco argentei di Jeeth volavano alla deriva, così come il mantello di Re Cold.

"Ehi, cosa sta succedendo?" gridò il secondo, guardando a terra, come se i suoi piedi si stessero alzando.

"Stiamo iniziando a levitare!" gridò Jeeth, in risposta alla domanda.

Intorno a loro, sabbia e pezzi di ring fluttuavano via... e così anche migliaia di gonne delle ragazze sugli spalti, che erano costrette ad aggrapparsi a qualcosa per non volare via e nascondere ciò che la gonna aveva al di sotto.

Videl dell'Universo 9 non aveva di questa preoccupazione, dato che non indossava una gonna, ma pantaloni in stile piuttosto militare. Insieme a Trunks, preferì tornare verso l'ingresso del loro spazio. Da lì, non avrebbero corso un gran pericolo, anche se la forza d'attrazione continuava ad aumentare drammaticamente.

Guardando ai più alti e giovani Tenshinan e Yamcha, Crilin alzò gli occhi e disse:

"Sapevamo di essere abbastanza forti da scuotere la Terra..." disse, combattendo per mantenere l'equilibrio. "...ma non abbastanza da creare un nuovo centro di gravità!".

La nuova forza di gravità era leggermente più forte rispetto a quella di prima. Nella torre di controllo, che era stata danneggiata e piegata, i minuscoli Varga venivano attirati facilmente. Si aggrappavano a qualsiasi cosa alla loro portata, tra cui i pantaloni dei Namecciani.

"Si sta inclinando!" disse un Varga, che veniva trascinato verso la vetrata rotta.

"Quack! La terra si muove... forse la gravità artificiale del ring è sbagliata?".

Grande, un altro problema! Come se non bastasse, ora non potevano mandare indietro Broly, avendo a che fare con un malfunzionamento della gravità!

"No, c'è un nuovo centro di gravità! Vegeth ci sta attirando a lui!" gridò un Varga, aggrappandosi alla spalliera di una sedia. Quella posizione gli forniva una buona visione dello schermo di controllo, che stava leggendo al resto dei suoi compagni.

"Dobbiamo fare qualcosa!" gridò un Namecciano.

Un Varga iniziò a battere sulla tastiera, alla ricerca di una soluzione... fuori, la gente volava verso Vegeth. Molti partecipanti cercavano di aiutarli. Goku fu il primo a riportare gli spettatori sugli spalti, presto raggiunto da Gohan, che aveva salvato la moglie e la figlia.

"Sta diventando rischioso qui!" urlò Pan, osservando le molte persone che venivano trascinate che non sapevano utilizzare la tecnica di volo.

"Aiuterò Goku!" dichiarò Ub, posizionandosi al fianco del suo mentore, per poi procedere alla raccolta di più persone possibili.

"Yamcha, Tien, aiutateli..." disse Crilin dallo spazio 9, mentre guardava i suoi amici. Quei Sayan non sembravano così cattivi... almeno rispetto agli altri, che non si muovevano affatto: vale a dire quelli dell'Universo 13, che se ne stavano fermi a guardare Vegeth.

"Che cos'è?" mormorò Radish. Si trattava di un nuovo potere!

"Siamo completamente fuori dal loro livello!" aggiunse Nappa, tremante.

Accanto a loro, nello spazio dell'Universo 14, C-17 e C-18 non sembravano per niente nel panico. Il ragazzo stava giocando... Stava prendendo in giro la sorella, e lei non esitò ad assestargli un calcio in faccia. A volte si vergognava di lui...

La madre di I'K'L, invece, si rendeva conto di essere vicina al parto, ma la gravità stava invertendo il processo: il suo bambino si era ormai ritirato nella sua pancia.

"Signore e signori!" la voce del Varga fu udibile in tutto lo stadio. "La gravità artificiale dell'arena è aumentate, restate a terra. Cercate di aggrapparvi a qualcosa! Ci scusiamo per il disagio".

Il bambino di I'K'L, per fortuna, non nacque. C-17 cadde a terra sulla sua testa. Per quanto riguardava il ragazzo sopra lo spazio numero 12, atterrò accanto a Trunks ancora una volta.

Quelli che avevano aiutato le persone a raggiungere nuovamente le tribune, potevano finalmente ritirarsi nei propri spazi. Voltarono la testa verso Vegeth, la fonte di tutto questo trambusto.

"Vegeth ha generato così tanto potere che la sua massa è aumentata!" teorizzò il Trunks del 16. "Scientificamente, è una cosa un po' impossibile!".

"E' una follia. Vegeth deve avere una massa pari a quella della Luna, ed una densità simile a quella di un buco nero" informò Gohan, per lo più per suo padre.

"Wooaah ..." rimase a bocca aperta.

Vegeth sorrise. Era soddisfatto di sé stesso, e dell'effetto che aveva prodotto in tutta l'arena.

"Hehe!" disse, pensando alle loro reazioni, di fronte a ciò che avrebbe fatto dopo.

Dopo la produzione di un'enorme energia, Vegeth aprì le mani a destra e a sinistra, allargando le braccia verso l'esterno, formato due sfere di luce!

I guerrieri dell'Universo 19 provarono a spiegare il fenomeno, ma esso non poteva essere compreso. Non vi era alcuna spiegazione logica. Anche l'idea di Eleim, che Vegeth potesse avere dei nano-componenti all'interno del suo corpo, era errata. Come poteva il suo corpo sopportare una tale energia e un tale calore? Per non parlare del numero, teoricamente enorme, di nano-circuiti che avrebbe dovuto contenere il suo sangue per generare due sfere del genere. Era impossibile. Se avessero posseduto un Sayan a casa da studiare, la loro tecnologia sarebbe aumentata drasticamente... ma come acquisire un guerriero?

Nello spazio dell'Universo 7, il Namecciano gigante teneva gli occhi chiusi e le braccia conserte. Perché aprire gli occhi per essere ciechi? Sentiva comunque le cose, anche senza vederle. E un'energia come quella di Vegeth non poteva passare inosservata. Era un attacco terribilmente potente, quello che stava preparando.

Cell pensava esattamente la stessa cosa.

"Se lui mi attaccasse con tale potenza, sarei del tutto annientato! Non ci sarebbe alcuna possibilità di sopravvivenza per il mio nucleo!".

Vegeth, finalmente, si spostò. Strinse le braccia tese davanti a sé, verso il cielo, verso Broly. Le due enormi sfere di luce si unirono, generandone una perfetta e gigantesca, circondata da luce blu, mentre il guerriero urlava il nome della sua tecnica, dando tutto ciò che aveva.

"Final Dragon Flash!".

L'aura che lo circondava lampeggiava selvaggiamente, mentre i suoi capelli volavano all'indietro ed un fascio di luce volava verso Broly. La parte finale del grande raggio, rivelò la testa di un drago, anch'esso circondato dai fulmini. Era simile a Shenron, ma non era, ovviamente, lui. Il drago, con la bocca aperta, corse ancora più veloce verso il Leggendario Super Sayan, che si fermò per la sorpresa. Il drago era molto più grande di lui, e poteva sentire la sua energia colossale venire verso di lui, a tutta velocità. Non c'era modo di sfuggirgli. La distanza era troppo piccola, ed esso viaggiava troppo in fretta.

Il drago sembrò masticare Broly, mentre lui urlava dal dolore. Solo perché era invincibile, non significava che non sentiva nulla. Una massa gigantesca di energia lo teneva prigioniero. Non riusciva a muoversi.

Il drago viaggiò nello spazio profondo, fino a perdere la sua forma, diventando una semplice sfera d'energia, che spingeva Broly sempre più lontano. Quasi come al solito, egli era stato lanciato via, urlando il nome del suo avversario.

"Kkh.. Ka.. Ka... Ro.. Thhhhhh!".

Nell'arena era improvvisamente calato un silenzio totale. L'unica cosa che si muoveva era l'aura di Vegeth.

"E' mostruoso!" disse il Principe Vegeta dell'Universo 13, riuscendo finalmente a parlare, ancora stordito da un potere mai visto prima.

"Incredibile! Bravo!" si congratulò Goku, più gioioso che sorpreso.

Vegeth si calmò, fece un respiro profondo, e riacquistò la sua forma normale. I suoi capelli dorati, tornarono al classico nero, e si accorciarono. I suoi muscoli si rilassarono, sudando per tutto il corpo. Si asciugò la fronte col suo guanto sinistro.

"Uff".

"Lui..." esordì il Kaioshin dell'Est. "Lui è ... invincibile".

In contrasto con questo stato misto tra stupore e paura, qualcun'altro stava impazzendo.

"Bello! Bello! Ancora!" urlò Majin Bu dell'Universo 11. Sarebbe stato ripreso presto da Babidy.

Un annuncio fu diramato rapidamente da un Varga.

"Sono passati 30 secondi da quando Broly è sparito! Vegeth dell'Universo 16 vince il combattimento!".

Bra dello stesso universo commentò seccamente:

"Certo che ha vinto... non l'abbiamo visto tutti?".

Cell, nello spazio accanto a loro, stava appena iniziando a riprendersi.

"E' più forte di me... certo! Ma non posso arrendermi! Io sono Cell!".

Gli altri, invece, erano molto vicini al forfait. Quelli dell'Universo 8, o meglio, quelli che erano rimasti in gioco, erano fermi a guardare, a bocca aperta, Vegeth. Non ci potevano credere. Doveva essere un sogno! Anzi, un incubo! Speravano di essere risvegliati presto!

I Varga fecero presto un nuovo annuncio:

"Facciamo una piccola pausa per permettere ai nostri guaritori Namecciani di prendersi cura di tutti. Restate con noi...".

In effetti, una pausa sarebbe stata molto gradita...

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語ItalianoEspañol中文DeutschPortuguêsNederlandsPolskiTurc
Português BrasileiroGalegoRomâniaMagyarРусскийNorskCatalàCroatianLietuviškaiEuskeraSlovensko
KoreanSuomeksiSvenskaБългарскиGreekעִבְרִיתEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatine