DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 9 ore, 08 min

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121122123124125
Parte 26 :126127128129130
Parte 27 :131132133134135
Parte 28 :136137138
[Chapter Cover]
Parte 2, Capitolo 9.

PARTE DUE - VECCHIE CONOSCENZE

Capitolo 9

Il numero 17 dell'Universo 14 guardò alla sua destra, nello spazio riservato all'Universo 15.

C'era una persona in piedi, una donna, vestita in modo piuttosto ridicolo. Indossava una sorta di turbante, che si scontrava col resto dei suoi vestiti e un mantello che non nascondeva la coda che sporgeva dalla schiena.

Numero 17 procedette nell'osservazione dei dettagli del suo volto. "Non molto meglio" pensò. Sembrava completamente interdetta. Una talpa gigante, vicina al suo naso, la rendeva ancor più brutta di ciò che sembrava; gli occhi spalancati, con sole due ciglia e le sue giganti e spalancate labbra...

Un sorriso divertito si propagò sul volto di numero 17. "Mi divertirò comunque, anche se è ripugnante".

"Cosa... già?" esclamò la curiosa guerriera.

Numero 17 restò sorpreso. Qual'era il problema? Forse non aveva voglia di combattere in quel momento?

"Ma il mio I'K'L non è ancora nato!" continuò la donna.

"Nato?" quella che numero 17 aveva scambiato per una pancia enorme ... in realtà conteneva una creatura non ancora nata, che solo vagamente somigliava ad un essere umano. Divenne chiaro che neanche la madre fosse un essere umano (quando si voltò, numero 17 poté notare le sue orecchie aliene), nonostante ella somigliasse alla razza umana. Questa creatura in via di sviluppo nel suo grembo, tuttavia, era completamente ... orribile.

"Per favore ... mi dia qualche ora in più!" gridò la madre.

"Impossibile" dichiarò infine il presentatore. "E' un abbandono".

Il pubblico protestò con passione sulla mancata lotta.

"Beh, quest'incontro è stato abbastanza facile" si vantò numero 17.

La madre di I'K'L lo fissò.

"In un modo o nell'altro, sarebbe andata a finire rapidamente" continuò il cyborg "Sei fortunata che io non abbia dovuto malmenare la tua discendenza".

Con questo, numero 17 si unì alla sorella.

"Pensi che questo numero 17 sia più forte di quello con cui abbiamo combattuto nel nostro universo?" chiese Gohan.

"Chi se ne importa!?" osservò Vegeta "Anche se fosse 3 volte più forte, lo stritoleremmo comunque".

"Non saprei" disse Goku "Non ho mai combattuto contro di lui".

"Papà, nel prossimo turno potrai finalmente combatterci contro".

"Ah si, è vero! Spero solo che sia abbastanza forte ...".

"Se non ricordo male, Trunks disse che gli androidi presenti nel nostro tempo fossero più forti di quelli nel suo" disse Piccolo, unendosi alla conversazione.

"Si, mi ricordo" rispose Gohan, annuendo "Ebbe anche una teoria su ciò. E cioè che non esiste una cosa come l'energia infinita".

"Così più il tempo passa, più deboli diventano ... logico" replicò Piccolo, con le braccia incrociate.

"Allora che dire di Cell?" chiese Vegeta per curiosità.

I quattro si voltarono a guardare lo spazio numero 17. Cell non si era mosso di un centimetro dall'inizio del torneo.

"Credo che Cell sia un caso più complicato... " rispose Gohan "Dovremo attendere il suo combattimento per misurarlo".

"Beh, in ogni caso non vedo l'ora di combattere con uno di loro nel prossimo turno!" disse Goku con un rinnovato sorriso.

"Kaioshin del Sud dell'Universo 1 contro Butter dell'Universo 8!" dichiarò improvvisamente il presentatore.

Entrambi i guerrieri atterrarono sul ring. Erano molto grandi, con dimensioni quasi uguali tra loro. Se fosse stato il più piccolo dei Kaioshin a combattere, la differenza di dimensioni avrebbe di certo divertito il pubblico.

Butter poggiò le mani sui fianchi, mentre il suo avversario se ne stava dritto, con le braccia lungo il corpo. Il guerriero dalla pelle blu sperava di vincere quest'incontro per riportare onore alla Squadra Ginew dopo la sfortuna di Jeeth ... col senno di poi, Butter era contento di non essere capitato al suo posto, ma in fondo chi se ne importava! In primo luogo, aveva bisogno di conoscere la forza del suo avversario. Per farlo, mise un dito sul pulsante del dispositivo sul suo orecchio. Alcuni numeri apparirono sullo schermo verde che ricopriva il suo occhio sinistro. Butter rise. "Proprio così? 500? Haha! Sono almeno un centinaio di volte più forte di te! Haha! Inoltre, io sono l'essere più veloce dell'universo, quindi è meglio che tu ti ritiri!" concluse Butter puntando il pollice su sé stesso, con l'altra mano poggiata ancora sul fianco.

"Davvero?" disse semplicemente il suo avversario che scomparve.

Butter si guardò intorno, ma invano ... meno di un secondo più tardi, il suo avversario si materializzò davanti a lui.

"Bene" disse il Kaioshin davanti a Butter, che sobbalzò all'indietro per lo spavento. "Ti ho appena corso intorno per un centinaio di volte! Pensi ancora di essere il più veloce?".

"I... io sono l'essere più veloce dell'universo!" balbettò il soldato d'elite, mentre sudava copiosamente.

Butter non ebbe più il tempo di dire nulla, che il suo avversario scomparì ancora una volta. Riapparve poi, collocando saldamente un pugno nello stomaco di Butter ... il Dio aveva buttato giù il suo avversario con un colpo solo, nonostante la resistente armatura di quest'ultimo. Chiaramente, la forza del Kaioshin non era 500...

"Il più veloce, eh?" ripeté Kaioshin. "Nel tuo universo, forse"

Sul punto di svenire, Butter sentì l'osservazione e si arrabbiò. Le mani strinsero lo stomaco, le sue gambe tremavano, e con un rivolo di bava all'angolo della bocca, riuscì a far fuoriuscire un paio di parole "Im ... impossibile ... così veloce ...".

Il Kaioshin, ancora di fronte al suo avversario, decise di lanciare una risposta finale con un sorriso "Non sono il più veloce. La mia corporatura mi rallenta".

Butter non poteva più muoversi, e dopo un paio di secondi cadde in uno stato di incoscienza.

Quando fu dichiarato vincitore, Kaioshin del Sud fece ritorno nel suo spazio. Ricevette le congratulazioni dai suoi compagni, anche se era sicuro della sua vittoria fin dall'inizio. Il Kaioshin del Sud non prestò molta attenzione, preferendo concentrarsi sull'identità del suo prossimo avversario. Mentre gli scagnozzi di Freezer prelevavano Butter, i guerrieri del nostro universo commentavano la prestazione del Kaioshin del Sud.

"Haha, l'ha battuto anche più velocemente di me" disse Goku con un sorriso.

"I Kaioshin non sono da prendere alla leggera" disse Piccolo "Il Kaioshin dell'Est ha ucciso Freezer nel loro universo".

"Così era più forte del tiranno?" replicò Vegeta.

"E questo Kaioshin del Sud sembra essere anche più forte di lui" rispose Piccolo.

"Mi chiedo se è al livello di un Super Sayan 2..." pensò Gohan ad alta voce.

"Impossibile saperlo finché non vediamo combattere qualcuno più forte" disse Goku "...sono effettivamente deluso dal fatto che non abbiamo avuto la possibilità di vedere di più ...".

"L'avremo, papà" rispose Gohan "I più deboli sono venuti prima, ma guarda! Ci sono ancora Cell, Majin Bu, Bojack, Broly...".

"Hmm..." Goku non era convinto. Bojack potrebbe non essere così potente ... Cell potrebbe essere forte. Bu? I suoi poteri rigenerativi potrebbero rendere una lotta interessante ... il potere di Broly dipende da quando tempo è rimasto congelato ... Goku sperava solo che il suo aumento di potenza fosse rimasto congelato col suo corpo.

"Ehi, basterà andare a chiedere a Cell come ha vinto" suggerì Goten con un po' d'esitazione. "Si, potrebbe almeno darci un'idea...".

Guardando oltre Cell, Gohan si incuriosì. "Se nel suo universo sono morto, ciò signifa che lui è più forte di un Super Sayan 2?"

"Andiamo, papà?" chiese Goten.

"Certo, andiamo. Gohan, vieni?"

"No, grazie. Non mi interessa" disse Gohan, ricordando tutto il dolore e la sofferenza che i suoi amici attraversarono a causa di questa creatura e la morte di suo padre, il tutto grazie ai suoi stessi errori.

Goku e Goten si diressero poi verso lo spazio di Cell. Una volta giunti nello spazio, proprio dietro il muro che separava la loro area e Cell, l'androide li fissò direttamente.

"Cell" esordì Goku "ci piacerebbe sapere cos'è successo nel tuo universo".

"Non ho niente da dire ... io non mi ripeto".

"Deve aver parlato con i nostri colleghi dell'Universo 16" concluse Goten, percettivo per una volta.

"Puoi almeno dirmi se mi hai ucciso?" insisté Goku.

Cell sorrise. "Chi lo sa...".

"Che dire di me?" chiese Gohan, infine, avvicinandosi. La curiosità aveva prevalso sul disprezzo che provava verso la creatura verde.

"Tu..." iniziò Cell "Tu mi hai sconvolto. Tu eri soltanto un ragazzino piagnucoloso".

Immediatamente, Gohan scavalcò la barriera per vedere Cell faccia a faccia. Si fermò a meno di un metro da lui. Cell sciolse le braccia e mantenne il suo sguardo, mentre il Cell Jr. dietro le sue gambe fece un passo indietro.

"Ah, piagnucoloso, eh? Sai, nel mio universo sono stato io ad averti eliminato".

"Hm ... non mi sorprende. Il te stesso dell'Universo 16 ha detto la stessa cosa" disse Cell ad alta voce. Tra sé e sé, pensò "Credo che dovrò essere cauto...".

"Ho cercato di spingere fuori il tuo 'potere assopito', uccidendo tutti i tuoi amici..." continuò Cell. "Ma non ha funzionato. Sono rimasto estremamente deluso, Gohan". Gohan guardò Cell, sorpreso. Questo voleva dire che era al di sotto di un Super Sayan 2? I Cell Jr. avevano ucciso tutti ... suo padre, Trunks, Vegeta, Piccolo ... tutti. Questo spiegherebbe la presenza di uno di essi con Cell... Gohan, trattenendo la rabbia crescente nel suo corpo, cercò di misurare un'ultima volta la sua potenza "Hai combattuto con un avversario di nome Bojack?".

Se Cell conosceva Bojack, significava che Goku si era sacrificato. La morte di Re Kaioh e la distruzione del suo pianeta avrebbero liberato Bojack, Zangya, Bujin ed il resto dei suoi scagnozzi ... e ciò avrebbe significato anche che Cell avrebbe combattuto con Gohan Super Sayan 2, e che fosse poi tornato ancora più forte ... ma Cell aggrottò la fronte "Bojack? Mai sentito nominare".

"Così, puoi dirci ciò che hai fatto dopo averci uccisi?" chiese Goku, avvicinandosi al Cell Jr. che era tornato ad abbracciare suo 'padre'.

"Oh, ricordo vagamente il guardare i miei 'figli' mentre distruggevano il vostro pianeta" disse dando una pacca sulla testa al Cell Jr. "E' stato molto divertente".

La famiglia Son, restò sorpresa da quell'atteggiamento quasi paterno. Non sapendo cosa dire, fecero ritorno nel loro spazio senza ulteriore parola ...

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu