DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 9 ore, 28 min

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121
[Chapter Cover]
Parte 18, Capitolo 88.

PARTE DICIOTTO - UNA NOTTE DI RIPOSO

Capitolo 88

Vunnvenly. Questo sontuoso pianeta ospitava una delle popolazioni più cordiali dell'intera galassia. Per migliaia di anni costruirono enormi palazzi, grattacieli e monumenti... poi il pianeta fu conquistato dall'Impero dei Demoni del Freddo, che vedevano questo pianeta come un'opera d'arte. Tuttavia, essi non lo distrussero, ma vi si stabilirono. Vunnvenly acquistò maggiori visitatori e una notevole notorietà, sia nella bellezza che nella cultura. Negli anni a seguire, molti alieni decisero di stabilirvisi. Il pianeta divenne rapidamente la capitale della cultura universale, un gioiello di bellezza, e, al tempo stesso, la capitale dell'impero di Lord Freezer.

In innumerevoli universi, questo centro multiculturale universale era sfuggito alla distruzione e al regno dei Demoni del Freddo. Tuttavia, in alcuni universi...

Universo 8, più di trent'anni fa

Freezer levitava a centinaia di metri da terra. Spaventato, contemplava il danno causato da un guerriero sorprendentemente formidabile: un Sayan. Il potente demone aveva deciso di affrontare il guerriero da sé, dato che egli era più potente di qualsiasi Sayan mai conosciuto prima, e addirittura dell'intera Squadra Ginew messa assieme. Erano in cinque... cinque contro un Sayan ed un suo amico. Ma Freezer dovette trasformarsi, raggiungere la sua forma originale, al fine di riuscire ad eliminare il Sayan. La lotta aveva causato la distruzione totale della città.

Una volta prospera e gioiosa, ora somigliava ad un grande campo di battaglia. Ovunque guardava, egli non vedeva altro che desolazione e rovina, oltre ad un denso fumo che saliva verso il cielo. Guardò sotto di lui: circondato da una dozzina di grandi crateri, si trovava la Squadra Ginew, in attesa del loro padrone e di nuove notizie. Stringendo i denti, il demone discese dal cielo, atterrando dolcemente sul terreno sottostante.

La squadra si avvicinò. In ginocchio, il loro capo, Ginew, abbassò il capo in segno di sottomissione. La sua armatura era in parte distrutta e il mutante viola portava numerosi graffi sul suo corpo. Dietro di lui, leggermente più danneggiati, Butter portava Jeeth in braccio; era privo di sensi e ferito. A destra di Butter, Rekoom se ne stava leggermente indietro. Lui era quello che sembrava aver ricevuto maggiori danni. La sua armatura era stata frantumata, ed il suo vestito era completamente strappato dal lato destro. Aveva numerosi graffi. Per quanto riguardava l'ultimo, nemmeno le loro migliori unità mediche avevano potuto fare qualcosa...

Freezer era furioso! Coi pugni stretti, gridò:

"La capitale del mio impero! Distrutta! Un gioiello di bellezza e magnificenza! Non c'è più niente!".

Il fatto che la maggior parte dei suoi attacchi fossero responsabili di almeno metà del danno era solo un piccolo dettaglio. Aveva bisogno di un capro espiatorio, e di certo non poteva incolpare sé stesso! Ginew alzò lo sguardo, verso il suo capo:

"E' colpa mia, signore. Non sono stato in grado di contenere il Sayan. Mi assumo tutte le mie responsabilità!".

Freezer colpì violentemente il terreno con la sua coda, facendo alzare diversi pezzi di roccia e di polvere.

"Oh, davvero?" rispose retoricamente, raddrizzandosi.

La sua rabbia era così terribile, che Ginew era il solo modo per calmarlo.

Puntò il dito verso di lui. Dietro Freezer, alcuni guerrieri dell'esercito sobbalzarono.

Ginew era paralizzato. Non ci voleva un genio per prevedere ciò che sarebbe successo. Esitò un attimo, quasi a reagire. Alla fine, decise di non fare nulla. Circa un secondo dopo, un raggio viola lo trafisse, al centro del petto. Il mutante viola sentì i suoi muscoli irrigidirsi tutti in una volta, mentre il suo fiato veniva a mancare. Intorno a lui, gli altri membri della sua squadra rimasero scioccati. Butter lasciò andare Jeeth, che era ancora privo di sensi. I muscoli del capitano alla fine persero tutto il loro potere e si rilasciarono. Poi cadde a terra, immobile.

"E' ora di trovare un nuovo nome per la vostra squadra! Ed un nuovo ballo!" esclamò Lord Freezer. "Bruciate quel corpo!".

Nessun membro della Squadra Ginew si mosse. Uno, bruciare i corpi non era il loro lavoro. E due, quello era il loro comandante, ed avevano un gran rispetto per lui. Non avrebbero mai fatto una cosa simile.

Dato che nessuno si muoveva, uno degli uomini di Freezer decise di prendere l'iniziativa. Il giovane Polar fece un passo lento e zoppicante. Rendendosi conto che nessuno l'aveva richiamato, si affrettò. Alzò il braccio sinistro di Ginew sopra la sua spalla, poi lo trascinò all'interno dell'edificio. Lentamente, raggiunse la destinazione: un inceneritore. Lasciò cadere il corpo per programmare la macchina. Ginew cadde a faccia in giù, e Polar lo guardò... poi assestò un calcio al capitano. L'idea era soddisfacente: era veramente soddisfacente prendere a calci qualcuno mille volte più forte di lui, senza alcuna ripercussione! Tuttavia, si fece male al piede colpendo la corazza di Ginew.

Sputò sul corpo, insultando il capitano e maledicendolo prima di tornare alla macchina per inserire la sequenza di incenerimento. Quando fu pronto, si voltò verso il corpo di Ginew, che era voltato. Ora giaceva supino, inerte.

Sulla schiena?

Polar si avvicinò, inginocchiandosi per ispezionare il corpo. Colui creduto morto, Ginew, improvvisamente aprì gli occhi e gridò qualcosa. Tutto era confuso nella mente del giovane Polar. Un lampo accecante e una sensazione di soffocamento vennero fuori dalla sua bocca, con una visione offuscata seguita da un forte dolore in mezzo al petto. La sua vista era sfocata... qualcosa non andava. Sentiva freddo e giaceva a terra, dolorante. Cercò di ascoltare, ma non udì nulla di rassicurante. Si sentì trasportare su una superficie più morbida del pavimento. Poi sentì un movimento, come su di un tapis roulant. La sensazione di freddo scomparve. Un calore, a prima vista rassicurante, lo avvolse completamente. Il calore, inizialmente così morbido, a poco a poco cominciò a pungere, e poi a bruciare. Non aveva la forza di gridare, né di lottare. Pochi secondi dopo, il processo era stato completato...

Il corpo di Ginew non c'era più, ma la sua mente viveva in un altro corpo grazie alla sua tecnica segreta: il Body Change. Ginew era diventato Polar, e Polar era morto al suo posto.

Freezer se ne stava seduto nella sua capsula antigravità, con la testa piegata in avanti, e le labbra che toccavano le sue dita intrecciate. Rifletteva ancora sulle situazioni valutate in precedenza. Per lui c'era una sola spiegazione, dopo le parole di Majin Bu:

"E' evidente... il capitano Ginew non è morto. Si nasconde tra i miei uomini! Ma in quale corpo si trova in questo momento?".

Pensò alle persone più vicine a lui, dimenticando suo padre e suo fratello. C'erano altri membri della Squadra Ginew, i soldati di Cooler ed i membri di maggiore importanza dell'equipaggio.

Ma era impossibile saperlo con certezza...

Ginew era molto intelligente. Era un raffinato stratega, e si trovava sempre diversi passi avanti rispetto agli altri. Le sue capacità di recitazione erano impeccabili, e sapeva ad adattarsi ad ogni situazione. Non importava quale ruolo dovesse svolgere.

Essere nel patetico corpo di Polar non lo limitava molto, e non era nemmeno preoccupato; in fondo era una situazione di gran lunga migliore della morte. Pensò ad un possibile corpo provvisorio. Tuttavia, sapeva che non poteva cambiare corpo troppo in fretta, o avrebbe destato sospetti. Ginew restò nel corpo di Polar per diversi giorni, fin quando non sentì parlare di un assalto ad un pianeta dal nome conosciuto.

La guerra e le battaglie erano i pretesti perfetti! Polar si registrò come volontario per quella particolare battaglia. Ginew preparò un piano, con dettagli perfetti fino all'ultimo calcolo. Il capo della forza d'attacco era un essere chiamato Némokid. Era il capitano delle forze di comando. Anche se la sua forza era ancora di gran lunga inferiore a quella del suo vecchio corpo, essa era comunque molto più grande di quella che possedeva ora. Era sempre protetto dalle sue due guardie del corpo, nascosto in un avamposto al riparo dalle linee del fronte. Fu facile per il piccolo corpo di Polar scivolare via e nascondersi tra le ombre, che si mosse silenziosamente e con precisione, per raggiungere il capitano. Poi, con voce forte, gridò:

"Il nemico è qui! Ci hanno fatto ritirare!".

Sotto gli ordini del tremante Némokid, le due guardie del corpo uscirono. I risultati erano quelli previsti: era rimasto solo. Ginew scivolò nella stanza, utilizzando la sua tecnica speciale per scambiare il suo corpo con quello del capitano. Ora era Némokid. Di fronte a lui c'era Polar, che non comprendeva ancora quanto accaduto. L'unica cosa che sapeva per certo, era che non era più lui. Il nuovo Némokid lo eliminò con un attacco energetico di debole potenza, ma sufficiente per distruggerlo.

Quando le due guardie del corpo ritornarono dentro, videro i resti del corpo di Polar, e fissarono il capitano. Ginew intervenne rapidamente:

"Questo traditore ha tentato di eliminarmi per conto del nemico! Pulite questo casino! Ho una battaglia da vincere".

Ginew era pronto a recitare, quando necessario. Némokid era lì per vincere la battaglia. E questo era ciò che stava esattamente per fare, mentre allo stesso tempo il suo esercito stava perdendo terreno. A seguito di questo assalto, Ginew considerò meticolosamente il suo prossimo passo. Némokid era piuttosto vecchio, vicino alla pensione, e ciò gli impediva di essere sul campo di battaglia con essere più forti di lui. Avrebbe dovuto cambiare il suo corpo ancora una volta, in futuro. Inoltre, non aveva idea di quale fosse la vita di Némokid, se lui avesse una famiglia, una professione... questo tipo di cose avrebbe rappresentato sicuramente un grosso problema...

Tornando nella capitale, Ginew ricordò una promessa fatta molto tempo addietro ad un malato, un suo vecchio amico costretto a letto da anni. Questa era l'occasione perfetta per perdere le sue tracce, ancora una volta. Lo conosceva da diversi decenni: come lui, il soldato aveva preso parte a molte battaglie prima di ammalarsi. Era uno di quei veri amici, una di quelle persone in cui Ginew aveva assoluta fiducia.

Era tenuto in vita artificialmente; quella stanza era diventata un po' come una seconda casa per lui. Senza il supporto, avrebbe avuto solo pochi minuti di vita. La sua mente avrebbe continuato a vivere, ma in uno stato quasi catatonico.

Ginew non perse tempo, e gli raccontò tutto senza esitazione. Fortunatamente per lui, il suo amico poteva ancora sentirlo e capirlo perfettamente: gli propose il corpo di Némokid, un vecchio soldato pronto per la pensione.

Il nuovo investigatore di Freezer, Nabana, faceva bene il suo lavoro. Studiò molte cose, e alla fine scoprì il nome del paziente che il capitano era andato a visitare trent'anni prima. Era stato un fatto strano, dato che negli anni che avevano preceduto questo momento, Némokid non aveva mai fatto visita a nessuno nella capitale.

Studiare gli archivi per trovare il capitano Ginew non era cosa facile. Dopo le prime ore, Nabana si rese conto che seguire decine, centinaia di vite per trovare il dettaglio che avrebbe potuto smascherare Ginew, avrebbe richiesto un enorme colpo di fortuna. Usò la sua testa, la sua logica, e si basò, in parte, col caso.

Se questo 'Némokid' fosse davvero stato Ginew, e fosse andato a far visita a qualcuno malato, avrebbe potuto cambiare il suo corpo? Freezer aveva indovinato: molte persone avrebbero dato qualsiasi cosa, pur di godere di una vita di relax, lontano dal pericolo e dallo stress delle guerre per la capitale. E se fosse sopravvissuto?

Un uomo morente in grado di acquisire il corpo di un uomo prossimo alla pensione non avrebbe avuto alcun motivo di rivelare la verità. "Ginew ha preso il corpo del paziente per sbarazzarsi di quel Némokid. Poi avrebbe potuto prendere il corpo di un infermiere..." pensò Nabana. Il ricercatore cercò il primo infermiere che gli aveva fatto visita dopo che Némokid avesse lasciato il posto... No... non il primo, era troppo facile. Il secondo, invece...

Ginew era molto intelligente, e Nabana lo sospettava. Per trovare il capitano, doveva cercare di pensare come lui. Ginew non avrebbe mai preso il primo corpo che si sarebbe ritrovato davanti... Nabana controllò ulteriori informazioni sul secondo infermiere: dopo due errori medici nello stesso giorno, con una cosiddetta "perdita di memoria" verso casa, quella sera aveva preso un congedo per malattia.

Sei mesi più tardi, era stato ucciso in un terribile incidente di fronte agli occhi di suo figlio di sette anni. Un figlio che, dopo alcune ricerche, aveva ottenuto un punteggio perfetto nelle prove scolastiche della sua classe, mentre in realtà era, a parere di Nabana, un 'ritardato psicologicamente immaturo'. Nota del traduttore: "ritardato" è la traduzione esatta. Spero che non offenda nessuno!

Per diverse ore, Nabana cercò attraverso numerose relazioni, dichiarazioni, note e altri documenti circa il figlio di quell'infermiere. Non trovò nulla fino al suo arresto, all'età di ventidue anni, a seguito di molte piccole infrazioni, seguite da una rapina andata storto. Studi psicologici che seguirono, dimostrarono che il giovane soffriva di un grave caso di sdoppiamento della personalità. Una soppiantava completamente l'altra; ma lui non era di certo la persona giusta per far parte delle forze dell'ordine.

In un'epoca, era follia. Oggi, Nabana sapeva che si trattava di verità. Ginew aveva acquisito il corpo di un membro delle forze di polizia... ma quale? Nabana avrebbe dovuto controllare ciascuno di loro, e il tutto gli avrebbe occupato l'intera notte.

Il capitano Ginew si sentiva al sicuro dopo tanti anni. Sedici anni dopo la sua "morte", lui era ancora vivo e nessuno lo sapeva. Ma sapeva che sarebbe stato un idiota a lasciare qualche traccia alle sue spalle. Non si sarebbe concesso neanche il minimo errore.

D'ora in poi, nel corpo di un ufficiale di polizia, avrebbe iniziato a preparare un vasto piano per riconquistare rango e potere.

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu