DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 3 giorni, 22 ore

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121122123124125
Parte 26 :126127128129130
[Chapter Cover]
Parte 1, Capitolo 3.

PARTE UNO - UNO STRANO TORNEO!

Capitolo 3

Nove anni prima, al Santuario di Dio.

Mentre Piccolo e Dende conversavano, improvvisamente avvertirono tre aure. Si trattava di Goku, Ub e Pan, nipotina di Goku. Al loro arrivo, Pan apparì visibilmente felice di essere in viaggio con suo nonno. Per quanto riguardava Ub, invece, l'essere in un luogo sacro sembrava provocargli disagio.

Goku si rivolse ai due Namecciani "Vegeta non è ancora arrivato?"

"No, tu sei il primo" rispose Piccolo con un sorriso sul volto "Avete intenzione di combattere di nuovo?".

"Spero di sì..." rispose Goku con un lampo negli occhi.

"Ciao" disse Pan verso i due Namecciani, salutandoli. I due, sorpresi dalla cortesia della bambina, salutarono timidamente, mentre Ub li salutò con un rispettoso inchino. Era nervoso nel trovarsi faccia a faccia col Dio della Terra.

"Ciao Kami... ciao Piccolo" disse timidamente.

La nuova generazione sembrava molto più rispettosa verso gli anziani, cosa che non poteva affatto dirsi di Goku, che aveva messo da parte qualsiasi saluto. Dende si trovava faccia a faccia con i due giovani allievi di Goku.

"Sei qui per combattere?" chiese Dende.

"N-no" rispose Ub con un pizzico di panico nella sua voce. "Sono qui solo per guardare".

"Anch'io" disse Pan eccitata. "Non vedo l'ora".

Una figura apparve improvvisamente. Vegeta atterrò al Santuario e si diresse verso Goku.

"Sei pronto a perdere?" sogghignò il Principe dei Sayan.

"Si, come no! Sarebbe una sorpresa" rispose Goku. "Vogliamo cominciare?".

"No" rispose Vegeta "preferirei che tuo figlio fosse qui".

"Mio figlio? Vuoi dire Gohan?"

"Ovviamente, Kakaroth" ringhiò irritato Vegeta.

"Ma perché?".

"Non discutere! Teletrasportati da lui e portalo qui, adesso!".

"Uhm... va bene." rispose Goku "Vedrò cosa posso fare...".

Goku posò due dita sulla fronte e scomparse poco dopo. Ritornò qualche minuto più tardi accompagnato da Gohan, in veste da lavoro.

"Papà" esclamò Pan, felice di vedere suo padre.

"Pan?" disse Gohan, sorpreso a sua volta di vedere la figlia al Santuario "Sei qui anche tu?".

"La Stanza dello Spirito e del Tempo potrebbe non funzionare correttamente con 5 persone" fece notare Piccolo.

"Lo sappiamo, non preoccuparti" rispose Goku.

Senza esitazione, Vegeta sorpassò il gruppo, provocando un disagio in Gohan.

"Cosa? Vegeta? Perché sei qui?" esclamò Gohan.

"Preferisco quando non c'è audience" disse Dende "Quando si combatte nella Stanza, la lotta dura solo pochi secondi per noi".

Piccolo restò sorpreso per l'osservazione "Che differenza fa?" chiese.

"Il loro potere è così grande, che ho sempre paura che possano distruggere l'ambiente circostante".

"Sono sicuro che possiamo fidarci di loro" disse Piccolo. "Inoltre Gohan è con loro. Sono sicuro che non lascerà che accada nulla di simile".

L'undicenne Ub e la piccola Pan di cinque anni erano stupiti di vedere ciò che succedeva di fronte a loro. Due dei più grandi combattenti dell'universo, Goku e Vegeta, si stavano sfidando davanti ai loro occhi nello stadio di Super Sayan II. Ub sapeva che Goku era molto forte già da quando combatterono per la prima volta al Torneo, ma non immaginava fosse così potente.

"Come fa il maestro Goku ad aspettarsi che io diventi il suo sostituto?" penso Ub tra sé.

Accanto a lui, Pan era molto eccitata. Amava combattere e ripensava al suo primo torneo. Le aure d'oro, le sfere di fuoco... tutto la divertiva molto.

Agitava i pugni e saltava per incitare suo nonno a fare del suo meglio. Gohan, invece, se ne stava seduto sui gradini d'ingresso a fissare il combattimento. Capì che Goku e Vegeta avevano chiesto di migliorare la Stanza dello Spirito e del Tempo per non causare danni alla Terra, così come un anno fa.

"Sono migliorati molto." disse Gohan tra sé "Davvero impressionante".

La lotta durò per molto tempo, finché Vegeta non sembrò prendere il sopravvento, assestando più colpi di quelli che prendeva. Goku sembrava perdere energie e Vegeta bloccò un suo attacco senza batter ciglio.

"Vegeta è traboccante d'energia" notò Gohan "Ma se papà perde, è solo perché...".

Vegeta tornò allo stadio di Super Sayan di primo livello e fissò Goku dritto negli occhi. "Smettila, Kakaroth! Ti stai ovviamente contenendo!".

"Potrei arrivare al livello di Super Saiyan III, credo..." rispose Goku "Ma l'ultima volta che l'ho fatto, la lotta è finita troppo in fretta. Non è stato interessante, né divertente. Inoltre, dopo tutto questo tempo non sei ancora capace di diventare Super Saiyan III?"

Vegeta, i cui abiti erano strappati dopo la dura battaglia, incrociò le braccia sul petto.

"Il terzo livello è inutile. Ho intenzione di fare molto meglio. Ma se ti trattieni, non sarò mai in grado di farlo".

"Cosa potrebbe esserci di meglio che avere dei capelli lunghi e non avere le sopracciglia?" chiese ironicamente Goku.

"Si consuma troppa energia." disse Vegeta "È potente, ma troppo limitato. Dobbiamo trovare una soluzione migliore".

"Ma per superare il terzo livello, non bisognerebbe prima padroneggiarlo?" chiese Goku scettico.

"Forse..." disse Vegeta "Ma c'è una persona in questa stanza più forte del terzo livello ... ed anche senza una trasformazione".

Dopo una pausa, i due Sayan si voltarono verso Gohan. Anche Ub e Pan, che si trovavano ai lati di Gohan, lo fissarono e ciò lo mise a disagio.

"Quella porta è la nostra unica via d'uscita" disse Vegeta, tendendo il braccio verso Gohan "faresti meglio a proteggerla".

"Vegeta, cosa stai facendo?" chiese Goku, mentre Vegeta accumulava potenza sul palmo della sua mano.

Vegeta tornò allo stadio di Super Saiyan II, formando una sfera d'energia sulla sua mano.

"Pan!" gridò Gohan "Esci, veloce!".

Pan vide una serietà nell'affermazione di suo padre che non aveva mai visto prima.

"Big Bang ... " cominciò Vegeta.

"Gohan!" urlò Goku.

"Attack!" terminò Vegeta.

L'esplosione si schiantò tra le mani di Gohan, che fu circondato da un'aura di colore bianco lucente e si alzò in volo, con gli occhiali distrutti e la camicia lacerata.

La Terra tremava, e un'esplosione di luce circondava la zona.

Nonostante la grande quantità di energia, Gohan aveva fermato l'esplosione. Non c'erano grossi danni, né alla Stanza, né su Gohan, che non aveva graffi o ferite.

"Visto Kakaroth? Questo è il potere di cui parlavo" esclamò un esausto Vegeta, mentre i suoi capelli tornavano al classico nero.

"Vegeta! Tu ... tu ... " disse Gohan che non sapeva che parole pronunciare. Esitò tra la rabbia e lo stupore per le azioni di Vegeta. "È per questo che mi hai fatto venire qui?" gli chiese.

"Non fare il bambino" rispose Vegeta, ignorando la domanda "Piccolo sarà in grado di sistemare i vostri vestiti quando usciremo".

Vegeta gli si avvicinò e posò una mano sulla sua spalla, con grande sorpresa di Gohan. "Per oltre dieci anni ho sognato di fare questo" disse Vegeta "non essere arrabbiato con me".

"Ma Gohan ha i poteri degli dèi in lui" esclamò Goku, avvicinandosi ai due "La sua forza non ha nulla a che fare con l'allen..."

"Terminiamo il combattimento" esclamò Vegeta, tagliando fuori Goku "Non ho mai trovato un avversario più potente, quindi troverò le risposte da solo".

Una volta tornati al Santuario, Vegeta era pronto a volar via, quando Gohan sorpassò Piccolo e Dende, sorpresi di vedere il Saiyan con i vestiti ridotti a brandelli.

"Aspetta, Vegeta!" gridò Gohan "Perché hai fatto questo? A volte mi chiedo cosa ti passi per la testa".

Vegeta si voltò a guardare Gohan come se la risposta fosse ovvia.

"Si lavora per espandere la propria mente, per scoprire perché gli atomi fanno bling e blong... " replicò Vegeta "... io lavoro per superare il limite dei guerrieri Saiyan".

Vegeta fece per andarsene, ma Gohan lo bloccò ancora, poggiandogli una mano sulla spalla. Vegeta gli rivolse lo sguardo e l'espressione di Gohan sembrò molto più dura di prima.

"Vegeta." disse Gohan "Se farai ancora questo con mia figlia in giro ... giuro che ti ammazzo...".

"Ne prenderò nota" replicò il Principe dei Saiyan sorridendo.

Vegeta volò via, sparendo dalla vista altrui. Gohan lo vide sparire e si calmò. "Bling ... e blong?" mormorò pensieroso tra sé.

"Papà!" esclamò Pan comparendogli da dietro ed afferrandolo per il braccio "Non sapevo che fossi così forte!".

"Pan ... non ti sei fatta male?" chiese Gohan con evidente preoccupazione.

"Nessun problema!" rispose "Hai fermato l'esplosione! Sto bene!".

Pan era molto orgogliosa di suo padre in quel momento, e il suo sguardo ed il suo sorriso mostravano ciò che provava per lui. Goku e Ub arrivarono al Santuario e raggiunsero Gohan e Pan.

"Son Gohan... che potenza!" esclamò Ub "Non ti ho mai visto in combattimento, prima d'ora!".

"Si, Gohan non ama combattere" disse Goku "Sono orgoglioso di quanto sia forte, anche se non si è più allenato dopo la lotta contro Cell... è una specie di vergogna".

"È più forte di te?" chiese Ub.

"Lo era dieci anni fa" rispose Goku "Da allora, io e Vegeta ci siamo allenati duramente. Ub, non hai visto la mia vera potenza, né quella di Gohan... ma voglio vederti diventare forte come lui un giorno!".

"Ma..." disse Ub "Quando vedo combattere voi, non riesco a pensare a come io...".

"Devi avere fiducia nel tuo potere, Ub" esclamò Goku "In dieci anni potresti diventare più forte di tutti noi".

Ub non aveva così tanta fiducia in sé stesso come l'aveva il suo maestro, ma promise che si sarebbe allenato duramente per diventare più forte.

"Vieni, Gohan" disse Piccolo "sistemerò i tuoi vestiti".

"Grazie Piccolo" rispose Gohan.

"Gohan..." disse Goku verso il figlio "... non essere arrabbiato con Vegeta".

"Ci proverò papà. Mi sono arrabbiato perché Pan era in pericolo".

"Dai!" rispose Goku "È stato divertente e nessuno si è fatto male!".

"Nonno ha ragione!" esclamò Pan.

"Sei stato davvero impressionante, Gohan!" lo incoraggiò Ub.

"Ok..." disse Gohan "diciamo di non pensarci".

Gohan volò via dal Santuario con calma, ma l'immagine persistente di Pan in pericolo era presente nella sua mente. "Accidenti a te, Vegeta..." mormorò sottovoce.

Pan, che per una volta sembrava più interessata a suo padre che a suo nonno, volò dietro di lui per tornare a casa insieme.

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu