DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris & Arctika

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix, PGV 2

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 3 giorni, 6 ore

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121122123124125
Parte 26 :126127128129130
Parte 27 :131132133134135
Parte 28 :136137138139140
Parte 29 :141142143144145
Parte 30 :146147148149150
[Chapter Cover]
Parte 28, Capitolo 136.

VENTOTTESIMA PARTE: POTENZE PARIFICATE

Capitolo 136

Traduzione e adattamento di Crix

"Perfetto!" Esclamò la ragazza Saiyan scuotendo il pugno. "Ora vi mostro come polverizzare realmente l'avversario! Piccolo, ti dispiace cambiare ancora il mio outfit in vestiti senza pesi?"

"Perché la Bra in versione ultimate dovrebbe volerli cambiare?" Chiese Trunks ironicamente. "Sicura di non essere preoccupata del tuo avversario?"

"Ssshh, mosca! Non farmi ridere." Replicò Bra, mentre la magia di Piccolo le cambiava i vestiti. "La gravità del ring è più pericolosa di lui. Il combattimento mi ha già quasi annoiata, preferisco finirla velocemente, ecco tutto."

"Non così velocemente!" Una voce lì vicino interruppe.

Tutti quelli dell'universo 16 si girarono verso l'arena. Già vestito con l'armatura imperiale, Cold era entrato nel ring, senza essere infastidito dal dover aspettare Bra. Infatti, si stava avvicinando verso la balconata dell'universo 16, con sorpresa di Freezer e Cooler. Cold, apparentemente, voleva seguire il piano ideato quella stessa mattina. Il figlio più giovane era scettico, la sua stessa strategia era fallita contro il Saiyan Goku. Qualsiasi piano suo padre aveva in menta, doveva essere senza imperfezioni per avere possibilità di riuscita.

Re Cold, d'altro canto, fissò la figlia di Vegeth senza nemmeno un briciolo di paura nello sguardo. Aveva lo sguardo sereno e autoritario, superlativamente fiducioso di sé.

Bra sorrise. "Cosa vuoi, Signor Imperatore degli smidollati? Vieni già per arrenderti? Dovrai inginocchiarti affinché il pubblico possa vederti! Non ci sarà peggior umiliazione di quella che tu e i tuoi figli avete già affrontato in questo torneo. Ahahah."

"Sembri alquanto sicura di te, ragazza." Replicò Cold scherzando. "Sicuramente devi aver realizzato che sono di gran lunga più forte dei miei figli, questa battaglia non sarà semplice."

"Oh, ma semplice è la parola perfetta." Ridacchiò Bra.

"Hmmm, ti riferisci alla tua eccessiva sicurezza dovuta alla trasformazione in Super Saiyan, non è così? Senza i tuoi capelli dorati, voi scimmie non sareste in grado di affrontare nemmeno Cooler o Freezer."

"Oh, lo pensi veramente? ahahahah!" La Saiyan rise ad alta voce e di gusto.

Cold aveva ricevuto esattamente la risposta che cercava. Per il momento, tutto stava procedendo proprio come aveva pianificato.

"Cosa? Mi sto sbagliando?" Sibilò. "Voi Saiyan vi trasformate all'inizio di ogni battaglia, come potrei giungere ad altre conclusioni? Persino la gravità del ring sarebbe troppo per la tua razza, se non fosse per la preziosa trasformazione. L'altro Saiyan dell'universo 18 lo ha dimostrato."

"Signore," un Verga interruppe nervosamente. "Il pubblico si sta facendo impaziente, devo insistere affinché entrambi scendiate in arena."

"Un minuto!" Lo escluse dalla conversazione Bra, rigirandosi verso Cold.

"Sei veramente ignorante, non è vero? Oh Grande e fragile Lord, sono centinai di volte più forte di te. Non sai chi sono? Mio padre è Vegeth, l'essere più forte di tutto il creato e parlo di ogni singolo universo! Potrei letteralmente mandarti al tappeto in un secondo, senza trasformarmi o fare il minimo sforzo. Te lo proverò immediatamente, andiamo!"

Cold fece un largo ghigno. "Perfetto!" Fece tra sé e sé. "Molto bene, allora permettimi di proporre qualcosa, figlia di Vegeth," disse adottando un falso atteggiamento di rispetto. "Accetta di sottostare ad un handicap ufficiale, uno accordato con gli organizzatori. Se sei così forte quanto dici di essere, non hai nulla da temere di fronte un essere così debole come me e dimostreresti ciò che dici. Senza contare che i fan lo amerebbero! Cosa ne dici?"

Lì vicino, Freezer era perplesso nei confronti degli sviluppi della discussione. Suo padre non si sarebbe mai abbassato a tanto usando una tale messinscena per provocare un avversario. Non era da lui, qualcosa non andava. All'insaputa di Freezer, Bu dell'universo 4, in un angolo della mente continuava a guidarlo verso quelle conclusioni.

"Tsh, tutto qui?" Rise Bra. "Ti distruggerò con un dito, nessuna trasformazione! Accetto l'handicap!"

"Aspetta Bra!" Intervenne Gohan dietro di lei. Non accettare, i membri dell'universo 19 contano su di te per vincere, hai dato loro la tua parola! La rischieresti per una sfida del genere?"

Cold strizzò gli occhi infastidito. Stava per farcela, era troppo vicino per lasciare l'opportunità scivolargli via. Si schiarì la gola, riattirando l'attenzione di Bra, poi sorrise.

"Quindi? Non sei così forte, non è vero? Forse a pensarci meglio, la figlia di Vegeth si è sopravvalutata? O forse è spaventata?"

"Pensi veramente che non abbia capito il tuo piccolo piano, lucertola?" Lo rimproverò Bra guardandolo male. "Non sono spaventata, non sono debole e accetto il tuo dannato handicap! Ei Varga!" Urlò facendo saltare dalla paura l'uccello. "Non dimenticarti di rendere la scommessa ufficiale!"

Quest'ultimo contattò lo staff in alto, nella torre di controllo, mentre Bra entrava nell'arena e ignorando Gohan che aveva tentato per l'ultima volta di fermarla. Imprecò tra sé e sé, esasperato dal suo comportamento e preoccupato dalle conseguenze che tale arroganza poteva scatenare. Cold era un demone del freddo e probabilmente il più astuto dei tre. Non avrebbe proposto una tale sfida senza un piano in mente. Bra però, era abbastanza testarda da accettare la sfida. Gohan sperava fosse in grado di farcela.

Da parte loro, i Varga avevano registrato le condizioni speciali di vittoria/sconfitta, incorporandoli nel match. Al minimo cambiamento del colore dei capelli, Bra sarebbe stata eliminata. Nonostante ciò, Bra era entusiasta mentre faceva stretching prima del match. Almeno, avrebbe avuto un giocattolo da prendere a pugni. Il demone del ghiaccio non aveva idea di cosa aveva combinato. Bra poteva a malapena sentire la gravità, quella battaglia sarebbe stata un gioco da ragazzi.

"Mi hai seriamente sottovalutata, demone! Non sono una normale Saiyan, sai?" Si preparò per attaccare. "Sono la figlia di un dio!"

"Tssk, tssk, un momento per favore." Cold fischiò, levitando qualche metro dal terreno. "Non ho ancora toccato il ring, ragazza. Ho una sorpresa per te, prima che iniziamo ufficialmente."

"Come temevo." Disse Gohan vicino a Videl e Pan.

Cold si inchinò e cominciò ad urlare in un modo che terrificò il pubblico. Un'aura incredibile eruttò intorno al suo corpo investito da forti convulsioni. Corna e spine cominciarono a crescere in ogni parte del suo esoscheletro armato, dalle braccia, dalle gambe, dalla schiena , dalla coda e dalla cresta. Il livello di combattimento si alzò improvvisamente e lì vicino, nello spazio dell'universo 8, Freezer e gli altri erano completamente scioccati. Cooler era ben oltre l'essere sorpreso, era spaventato.

"Quindi mio padre ha addirittura accesso al segreto della forma d'accrescimento." Gridò e deglutendo con la gola secca. "Quindi tutte le miei decadi di allenamento sono state completamente vane. Mio padre è già dieci volte più forte del mio massimo."

Nell'arena, nel frattempo, la trasformazione di Cold era quasi completa. Era praticamente uguale al suo primogenito, gli mancava solo la maschera sulla bocca e aveva molti più spuntoni lungo il corpo. I soldati imperiali applaudirono stupiti dal loro leader. Persino Bra era affascinata.

"Ei, non male." Ammise. "Direi che adesso hai anche una piccola chance, on di vincere ovviamente. Una piccola chance di riuscire a toccarmi!"

"Solo di toccarti?" Ripeté Cold prendendola in giro. "Che vergogna. Non sprecherò tempo allora. Preparati Saiyan, presto tremerai difronte al tuo peggior incubo e affronterai il tuo destino!"

Cominciò ad incrementare la sua forza ancora, aumentando la sua aura nuovamente. L'asteroide cominciò a tremare e il terreno sotto di lui si ruppe. Sul volto di Bra, si materializzò un'espressione ansiosa. Il corpo di Cold raddoppiò in altezza, i suoi spuntoni si prolungarono ancora di più e di nuovi apparirono. Sulle corna della sua cresta crebbero a loro volta delle corna! La sua coda era diventata spessa quanto un tronco d'albero. Era come una lucertola che tornava all'evoluzione dei dinosauri. Non era più un semplice rettile, era un dinosauro con gli occhi e le zanne da carnivoro come un re di draghi. La sua forma era completamente diversa rispetto alla prima forma di riduzione che aveva usato contro Videl durante il primo round. Questa versione era molto più grande e terrificante. Le altre due Videl e le loro figlie indietreggiarono, spaventate come molti altri spettatori. Persino Cooler, aveva involontariamente indietreggiato, terrificato dalla nuova forma di suo padre. Non poteva più parlare o pensare. Suo padre era arrivato ad un livello che non riteneva nemmeno possibile! Freezer era ugualmente impressionato e arrabbiato. Tutto ciò sembrava innaturale, qualcosa non andava. Anche i Kaiohshin avevano indietreggiato, mentre Bu fischiò in segno di ammirazione e girò lo sguardo verso Freezer, sogghignando interiormente.

Finalmente la metamorfosi di Cold finì. Tutti i suoi muscoli erano incrementati, la sua coda era completamente ricoperta di spuntoni e il suo corpo adesso aveva ben 4 braccia! Il suo collo si era allungato in avanti, la sua faccia si era appiattita perdendo il naso. Cold fissò la giovane ragazza Saiyan, paralizzata. Mentre era circondato da fulmini e scintille elettriche, Cold rise. Bra non si mosse, mentre il suo sudore gocciava dalla fronte e dalle braccia. Di sicuro, non aveva previsto nulla del genere. Non era spaventata, ma la la sicurezza di sé l'aveva portata ad impegnarsi fin troppo in quella sfida e ciò la infastidiva. Forse avrebbe dovuto pensarci meglio prima...

La voce di suo fratello, alle sue spalle, la riportò alla realtà. "Bra!" Esclamò Gohan. "Cancella la scommessa, è troppo rischiosa adesso!"

"Al contrario fratellone." Replicò la ragazza con tono instabile. "Adesso è realmente un allenamento, forza!"

Assunse una posa da combattimento, fissando il suo avversario diventato ormai un mostro. Quest'ultimo fischiò con crudele delizia. Per la prima volta, poteva dare il massimo! Poteva finalmente rendere onore a quel corpo che aveva allenato fino al limite. Anche se non aveva spinto la sua energia al reale massimo potenziale, sarebbe bastato per far abbassare la cresta alla ragazza. Era il momento di dimostrare a tutti quanto veramente terrificante potesse essere un demone del freddo.

Come molti altri, i membri dell'universo 18 discutevano la trasformazione.

"Alquanto impressionante." Disse Piccolo con gli occhi spalancati. "Onestamente, non pensavo che qualcuno della sua famiglia potesse raggiungere questo livello."

"Non si sono allargati molto." Fece Goku, acquisendo un'espressione seria. "Se si impegnassero veramente, Freezer e i membri della sua famiglia potrebbero raggiungere persino un livello superiore a questo. Non ho mai avuto l'impressione che Freezer si fosse allenato così tanto. Sono talmente dotati da non averne mai avuto bisogno, probabilmente. Qualcosa ha fatto si che Cold volesse migliorare, come suo figlio Cooler che ha raggiunto la quinta forma che, se ci pensi bene, non è così diversa da un Super Saiyan."

"Beh, c'è riuscito e non di poco." Replicò Piccolo sembrando molto preoccupato. "Direi che la sua massima potenza ora è abbastanza per rivaleggiare contro il Cell perfetto di anni fa."

"Ti sbagli." Replicò distrattamente Vegeta. Piccolo si girò verso di lui mentre l'altro continuò a fissare il ring. "Si sta ancora trattenendo. Non posso dire se ha un'altra forma o no, ma questo non è il suo massimo ed è chiaro. Vuoi la mia opinione? Anche Gohan quando raggiunse il Super Saiyan 2 si sarebbe trovato in difficoltà con questo combattimento. Sconfiggere questa lucertola non sarebbe cosa facile."

"Concordo." Disse Goku. "Anche se Bra è figlia di Vegeth, ha comunque dei limiti. Nello stadio normale questo combattimento potrebbe essere troppo difficile anche per lei."

"Pensi che perderà?" Chiese Ub preoccupato.

"Forse." Rispose Vegata. "Ma prima, avrà il tempo di dimostrare cosa può realmente fare. Guarda attentamente questo combattimento ragazzo. Anche tu Pan."

Tutti erano concentrati sull'arena, impazienti di vedere gli scambi iniziali. Gli Helioriani stavano prendendo il combattimento molto seriamente, supportando sinceramente la combattente Saiyan che stava affrontando da sola il mostro. Nello spazio dell'universo 17, nascosto nell'ombra, Cell guardava l'arena. Ci volle un po' di fatica ma riuscì a nascondere al suo padrone l'ammirazione che provava per Cold internamente. Sapeva perfettamente il potenziale del demone del freddo avendolo sfruttato lui stesso al massimo. Si era già trasformato nel corpo perfetto e aveva incorporato la forza e le abilità della loro razza superiore nel suo stesso corpo. Re Cold era comunque sorprendente e se lo avesse affrontato ventisette anni prima, Cell sarebbe potuto essere stato sconfitto.

Un altro antagonista lì vicino era piacevolmente sorpreso. Bu aveva l'abilità di poter scoprire i segreti di Cold, ma si era frenato nello studiarlo troppo attentamente per non rovinarsi la sorpresa. E che scoperta era stata: Cold aveva sbloccato un'antica trasformazione perduta dai demoni del freddo nel tempo! Questa razza era sempre stata affascinante, ma Cold sembrava averne trasceso i limiti come nessun individuo prima. Tradendo la sua iniziale idea di dormire, Bu si concentrò interamente sullo scontro.

Bra si mosse per prima, avvicinandosi velocemente verso Cold che rimase immobile. Il Saiyan scagliò un potente pugno sul volto del demone del freddo e l'impatto risuonò in tutta l'arena. La faccia di Cold venne distorta dal colpo, ma non perse il suo sorriso. Bra, sorpresa cercò di guadagnare distanza ma Cold attaccò con il suo pugno graffiandola sulla guancia. La velocità e la forza dell'attacco l'avrebbe potuta uccidere all'istante! Una goccia di sudore colò dalla sua fronte, ma era eccitata e piena di adrenalina che riempiva ogni fibra del suo corpo. Per la prima volta, capì cosa significava la parola pericolo.

L'assalto successivo arrivò da tutti e quattro i pugni di Cold simultaneamente, ognuno dei quali era diretto e ben calcolato. Combattere con quattro braccia richiedeva un singolare stile di combattimento che Cold sembrava padroneggiare, ma la figlia di Vegeth non era da meno. Schivò abilmente ogni colpo, ondeggiando tra i pugni e deviandoli usando le braccia della creatura per guadagnare tempo. Evitando ogni attacco, diresse la sua offensiva metodicamente e con forza verso i punti vitali di Cold, colpendo ad ogni opportunità. Per un normale novizio, sarebbe potuto sembrare un semplice scambio tra guerrieri, ma Goku e gli altri erano soggiogati dalla maestria nel combattimento di Bra, sapeva dove colpire e stava dimostrando di poter cavarsela contro un essere chiaramente più forte.

Ciò nonostante, dopo qualche minuto, apparentemente stava perdendo fiato mentre Cold incassava senza rallentare. Lo sforzo della Saiyan era certamente maggiore e Cold si mostrò furbo nell'attaccare in modo che la sua avversaria perdesse poco a poco il vantaggio del corpo a corpo. Il demone poi usò la sua coda tranciante per attaccare Bra da dietro senza tenere conto degli estremi sensi della Saiyan la quale lanciò un Kikoha contro la superficie del ring per allontanarsi di qualche metro. La ragazza cercò di riprendere fiato mentre la creatura di sgranchiva le giunture.

"Questi sono veramente gli attacchi di una dea? Non sono così dolorosi... Un'essere superiore dovrebbe essere in grado di affrontare degli essere malvagi senza ricorrere a trasformazioni... fino ad ora, non sono convinto!"

"Bastardo!" Ruggì Bra.

Si lanciò di nuovo contro Cold, circondata da aura, ma il demone scomparse a velocità spaventosa. Bra era in grado di seguirne i movimenti senza troppa difficoltà, ma nel momento in cui i suoi occhi avevano trovato una grossa sfera energetica dieci volte la sua stazza, era stata già colpita. La Saiyan ebbe appena il tempo di incrociare le braccia prima che la bollente sfera cominciasse lentamente a sopraffarla. Cold rise schernendola, dato che aveva usato un solo braccio per lanciarla. Stava avendo fin troppo divertimento. Con ciò, avrebbe umiliato la ragazza e avrebbe presentato i rimasugli a suo padre come 'dono'.

Nonostante gli sforzi, Bra non riuscì a contrastare la sfera con i suoi soli sforzi. Rinunciando,indurì gli avambracci e con attenzione, spedì la sfera in alto. Una volta ritrovata la sicurezza, si teletrasportò lontana dalla sfera lasciandola esplodere contro lo scudo. Bra si sentì sollevata e riuscì a ritrovare l'audacia per fare un sorrisetto di sfida.

"Già stanca Saiyan?" Chiese il mostro, accettando la sfida con lo sguardo. "Trovo interessante il fatto che come sai, i Kaioshin non hanno bisogno di trasformazioni. Sono molto più forti di te senza i tuoi preziosi capelli d'oro. Anche tuo padre è così patetico? Non merita il titolo di dio e tu nemmeno!"

I pugni e le guance della ragazza tremarono dalla rabbia. Il demone sapeva come irritarla e ogni offesa verbale le faceva perdere un po' di auto controllo. Gohan e Vegeth lì vicino rimasero in silenzio. Il guerriero fuso, ugualmente sensibile a certe provocazioni, non si sentiva offeso. Sapeva che irritarla era lo scopo dell'avversario e riusciva ad ignorarlo, sperando che Bra riuscisse a fare lo stesso. Quanto meno, doveva sembrare di poter resistere e in qualche modo era grato al demone del freddo che perlomeno stava dando l'opportunità a sua figlia di testare la sua stabilità.

Bra aveva chiuso gli occhi, ribollendo di rabbia. Cercò di ricordare una situazione analoga dove lei e Vegeth erano stati chiusi nella stanza dello spirito e del tempo quando era bambina. Aveva sempre fatto fatica a controllare il suo potere ed essere vittima della goffa pedagogia di suo padre la costringeva spesso ad arrendersi alla rabbia. Il risentimento nei confronti di Cold era alle stelle ed era pronta a sprigionare tutto il suo potere. Un'aura dorata era apparsa intorno a lei mentre un Verga, vigile, aveva preso il microfono in mano. Il demone del freddo era estasiato! Stava per avere ciò che aveva sperato, una semplice e noiosa vittoria. Sarebbe stato un peccato non continuare la battaglia, ma con quella vittoria sarebbe stato un passo più vicino alle sfere.

Nella sua mente, Bra era già pronta alla trasformazione quando sentì la voce di Gohan da lontano.

"Bra! Ricorda chi sei, ricordalo!"

Quelle parole l'avevano fatta rinsavire, provocandole i ricordi di quando suo fratello l'aveva aiutata a trasformarsi in Super Saiyan la prima volta. Son Gohan riponeva completa fiducia in lei, era il suo mentore, il suo maestro e anche suo fratello.

"Gohan, perché non posso superarti? Perché tu e papà siete così forti? Non è giusto!"-

"Bra, nessuno di noi era nemmeno un centesimo della tua forza quando avevamo la tua età! Sii paziente, con tempo ed esperienza accadrà!"

"Ma papà è così impegnato... è un dio e dovrei esserlo anche io come lui, che viaggia in tutto l'universo e tutti lo rispettano!"

"Ascoltami con attenzione, Bra. Nostro padre non è un dio, è solo potente grazie ai Potara che gli ha dato un vero dio. Hai il cuore puro di Goku e l'orgoglio di Vegeta. Non pensare a te solo come la figlia di Vegeth, ma sappi che hai ereditato la forza di volontà di questi due fantastici uomini! Sei la discendente di due grandi stirpi unite in una sola persona, un degno successore e protettore della terra, quindi non lasciarti sconfiggere! Diventerai il guerriero più forte del mondo seguendo le orme di questi due eroi che ancora vivono da qualche parte dentro Vegeth. Non dimenticare chi sei e la storia di coloro che ti hanno preceduto. Ricordati sempre che sei Son Bra!"

I suoi occhi si aprirono all'improvviso appena riacquistò i sensi. Improvvisamente l'aura d'orata intorno a lei scomparve tornando al normale colore. Cold mormorò qualcosa dalla delusione mentre Gohan si asciugava il sudore dalla fronte.

"Grazie, fratellone." Disse Bra inalando profondamente. "Mio padre sarà sempre Vegeth e sarò sempre orgogliosa di lui. Ma questa non è la mia vera identità, io sono un'altra persona e ora tutti sperano in me. Ti sconfiggerò, demone e salverò l'universo degli Helioriani! Fatti sotto!"

Vegeth sorrise sentendo sua figlia. Finalmente stava crescendo e stava sviluppando la sua propria personalità invece di essere solo la figlia dell'essere più forte all'universo. Anche Gohan e Piccolo erano orgogliosi dei cambiamenti di Bra. Anche Goku e Vegeta, sorpresi dal suo improvviso cambio d'atteggiamento erano stranamente compiaciuti senza saperne il motivo.

Ad ogni modo, nemmeno Re Cold aveva perso il suo sorriso. Anche se la sua avversaria non aveva ceduto, non c'era alcun problema. Lui era pur sempre il più forte e per la piccola idiota era arrivato il momento di comprendere veramente contro chi combatteva. Era arrivato il momento di sprigionare tutto il potere.

"Molto bene, ragazza." Esclamò. "Ricominciamo da dove avevamo interrotto, allora!"

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu