DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 5 giorni, 11 ore

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121122123124125
Parte 26 :126127128129130
Parte 27 :131132133134135
Parte 28 :136137138139
[Chapter Cover]
Parte 9, Capitolo 44.

PARTE NOVE - LA TERRIBILE POTENZA DEL SUPER SAIYAN LEGGENDARIO!!

Capitolo 44

Le truppe Varga nel centro di controllo continuavano ad andare avanti e indietro. Gli ordini venivano urlati uno dietro l'altro, a meno di dieci secondi di distanza tra loro. Erano alla ricerca del problema che impediva a Broly di essere rispedito nel freddo e nel vuoto della sua casa. I Varga stavano setacciando le loro macchine trans-dimensionali alla ricerca di un qualsiasi problema, dalla possibilità che uno scontento dipendente avesse tagliato un filo o da un'eventuale codifica di software difettosi.

In mezzo al tumulto delle infruttuose ricerche, i Varga di rango maggiore e i Namecciani continuavano a guardare la lotta tra Broly e Vegeth. Erano fortunati che le forze dei due si equivalessero, altrimenti quello pazzo avrebbe distrutto tutto! Tuttavia, i loro poteri aumentavano a dismisura. Se uno di loro avesse superato nettamente l'avversario, il combattimento sarebbe terminato. Un Namecciano incrociò le dita, sperando che Vegeth sarebbe stato eletto vincitore. Non voleva morire in quel luogo.

"In questo momento, credo che Vegeth possa contenerlo" dichiarò un Varga dai capelli blu, rompendo il silenzio sia di coloro che contemplavano la battaglia sui monitor, sia di coloro che cercavano di trovare la fonte dell'errore.

"Ma dobbiamo assolutamente risolvere il problema!" gridò agli altri, che iniziarono ad aumentare il loro ritmo di lavoro.

L'attesa durò per diversi momenti, prima che uno di loro trovasse il Santo Graal:

"Trovato! E' un pezzo bruciato!" disse con gioia, sapendo che avrebbe ricevuto presto una promozione!

"Sostituitelo! Dobbiamo rimandare questo Broly nel suo universo... il più in fretta possibile!" gridò di nuovo il capo Varga, con una goccia di sudore che gli colava lungo la fronte.

"Big Bang..." udirono tutti nella sala di controllo. La voce era risuonata negli altoparlanti di piccole dimensioni... Vegeth stava per attaccare!

"Troppo tardi!" riuscì a dire un Namecciano, facendo un passo indietro, rendendosi conto di quanto la potenza di quest'attacco superava quella di quelli precedenti.

L'attacco lanciato da Vegeth si schiantò contro Broly con una scossa incredibile. L'esplosione che ne seguì, assordò tutti i presenti. Ognuno vedeva, dai monitor o attraverso grandi vetrate. Lo scudo che proteggeva gli spettatori resse lo shock per un momento, prima di cedere leggermente.

Ognuno sentiva che l'energia passava attraverso gli scudi... tuttavia Ub sembrava sentirsi meglio rispetto al resto.

"L'energia sta attraversando lo scudo! Gli spettatori resteranno feriti!" gridò a nessuno in particolare.

Forse, se uno dei Varga l'avesse sentito avrebbe potuto aumentare la potenza dello scudo. Ma nessuno poteva udirlo, a causa della potenza del frastuono dell'attacco.

Ub si guardò rapidamente intorno. C'erano persone che non combattevano e bambini. C'erano Pan, Videl e dietro di loro Bra... doveva proteggerli. E' ciò che avrebbe fatto Goku!

Ponendosi tra le ragazze e il duo di Trunks e Goten, si lasciò sfuggire un grido, generando uno scudo di ki intorno a loro. Lui, ovviamente, non avrebbe potuto proteggere l'intero stadio in quel modo, ma se anche un centinaio di persone non sarebbero state ferite, sarebbe stato un buon lavoro.

Ub resisteva: l'esplosione cominciava finalmente a perdere potenza, ed era in realtà un po' meno pericoloso di quanto aveva creduto. Gli scudi dei Varga resistettero, consentendo il passaggio di una minima parte d'energia.

Nel centro di controllo, fu raggiunta la stessa conclusione. Un Varga aveva appena finito di informare i suoi superiori.

"I campi di protezione sono stati alzati, ma l'1% dell'energia è passata, stordendo e ferendo qualche spettatore. Invia guaritori subito" ordinò il capo Varga.

"Sissignore". Si potevano sentire tre uccelli cominciare a correre veloce sulle loro gambe, per andare a prendere i Namecciani ed informarli degli ordini.

Gli spettatori erano sicuri di aver speso bene i loro soldi. La maggior parte di loro erano ancora di buon umore, e si godevano l'incredibile spettacolo. Pochi di loro erano delusi... mentre gli altri combattenti iniziavano a commentare.

"Che potenza!" esclamò Kakaroth dell'Universo 13, stringendo i pugni, trasformato in Super Sayan. "Per fortuna non lo incontrerò prima della fine!".

Accanto a lui, Vegeta era infuriato.

"Rah..." grugnì, agitando rabbioso il pugno destro alla vista di un potere molto più grande del suo.

Dietro di loro, Radish e Nappa, che non erano Super Sayan, erano stati spazzati via con forza dalle esplosioni, schiantandosi contro il muro. Avevano cercato di resistere, ma erano stati facilmente trascinati via, come dimostravano i segni sul pavimento, venendo sollevati dal pavimento.

Non lontano da loro, nello spazio di Cell, suo figlio aveva subito un destino simile, ed a causa della sua dimensione ora era incastrato nel muro.

"Impossibile..." sussurrò quasi Cell, con gli occhi fissi sul cielo stellato sopra di lui, dove al momento non c'era nulla da vedere.

"Incredibile" disse Bu dell'Universo 4. Sapeva cosa aspettarsi, ma era ancora abbastanza sorpreso.

Molti, tra cui Bojack e Tapion, pensavano la stessa cosa. Altri avevano diverse domande da porre...

"Piccolo, stai bene?" chiese Gohan al suo ex-mentore, che aveva protetto.

"Si, certo" disse il Namecciano. "Ma...".

"Sono sopravvissuti? O... " intervenne Goku, interessato al futuro di Vegeth e Broly... Piccolo e Vegeta incrociarono le braccia, alla ricerca del ki dei due combattenti.

"Ecco, questo è il potere che hai nascosto, papà!" disse Bra dell'Universo 16 con un sorriso, nella forma di Super Sayan. Era orgogliosa di essere sua figlia, ed anche piuttosto sorpresa.

Nel centro di comando, il nuovo controllore di dati informò i suoi superiori:

"Abbiamo individuato i due combattenti! Ognuno di loro si trova a migliaia di chilometri l'uno dall'altro, in direzione opposta!".

"Hanno viaggiato così tanto?" si meravigliò un Namecciano accanto a loro. "Sono vivi?" chiese, dopo che la sua sorpresa passò.

"Vado a controllare...".

Su un lato dello spazio, Broly aprì gli occhi, mormorando.

"Kakaroth...".

Aveva colpito una grande meteora, durante il suo viaggio, ed essa era andata completamente distrutta, anche se era riuscita a rallentare la sua corsa. Quando aveva colpito un secondo asteroide, questi era riuscito a resistere allo shock. Il suo corpo, ancora fumante, esplose di rabbia, lanciandosi in volo verso l'arena, distante poco meno di due minuti, distruggendo il resto dell'asteroide che l'aveva frenato.

Broly era abituato a viaggiare nello spazio. L'improvvisa mancanza d'ossigeno e la pressione non erano un gran problema per lui. Questo accadeva ogni volta che distruggeva un pianeta o un sistema solare.

Trunks dell'Universo 12 stava aiutando uno spettatore. Era uno di quelli che erano caduti nel suo spazio quando lo scudo era andato distrutto, ed era atterrato molto vicino al giovane con la spada.

"Stai bene?" chiese, mentre rilevava il ki di Broly in avvicinamento. In poco tempo, riportò lo spettatore negli spalti, stordito ma illeso, ed informò C-16 di ciò che aveva sentito.

"Broly sta tornando qui molto velocemente" disse Trunks, riferendosi al Leggendario Super Sayan.

"E il suo potere supera ancora una volta quello di Vegeth. Quanto a lui, non si sta muovendo" rispose C-16.

"E' morto?" chiese Trunks a un tratto.

"No. Ha rallentato, fermandosi nel bel mezzo dello spazio...".

Infatti, Vegeth era vivo e ben consapevole di ciò che stava accadendo. Si era lasciato andare per un momento, guardando le stelle, sorridendo e con una bella sensazione in corpo. Questa lotta era stata spettacolare per lui. Un sogno! Non si era mai stancato di essa...

Anche Bu aveva rilevato l'arrestarsi di Vegeth. Sapeva che era perfettamente vivo. Sapeva che il non ritornare subito al ring, significava che fosse esausto. Buu pensò.

"Ben fatto, Vegeth... sei esausto, e lui sta tornando da te. Volevi divertirti. Oh, certo, capisco... ma cos'hai intenzione di fare, ora che Broly ti ha superato nuovamente? Volendo giocare troppo, ti sei messo in pericolo. Conosco bene quella sensazione. Venti anni fa, mi hai quasi distrutto mentre non ero attento. Sarai distrutto, perché il tuo attacco non era abbastanza potente. Pensavo fossi più cauto di così, ma vedo che non è come pensavo".

Concluse. "Dovrò terminare io questa lotta. Sarà un vero piacere, e quando sarai di nuovo in piedi, ti schiaccerò".

Il suo piano era perfetto. Non poteva esserci alcun intoppo. Improvvisamente, il ki di Vegeth apparve molto vicino a lui. Aveva usato la trasmissione istantanea.

"Eccolo!" disse Bra, vedendo suo padre. In primo luogo sorrise, ma fu poi sorpresa nell'osservare lo stato in cui versava suo padre.

"Papà! Lui... lui è ferito!" disse Gohan ad alta voce.

"Pensandoci, l'ultima volta che Vegeth è stato ferito... non è mai successo! Vegeth non è mai stato ferito da quando è nato! Mai!" aggiunse Piccolo, sorpreso.

Vegeth aveva graffi su tutto il corpo, sangue che scorreva da qualche ferita e i vestiti strappati in alcuni punti. Tuttavia, il guerriero non sembrava aver perso la voglia di lottare... Sempre trasformato in Super Sayan 2, il guerriero manteneva la sua attenzione su Broly, che continuava la sua folle corsa verso di lui.

"Grazie per il combattimento, Broly. Penso che non affronterò mai più un nemico con un tale potere! Ma devo porre fine a questa lotta... il tuo potere continua a crescere, ed io non posso proteggere tutti".

Nello spazio dell'Universo 18, il gruppo si chiedeva cosa fare.

"La potenza di Broly è aumentata nuovamente... ed è superiore a quella di Vegeth, ora!".

"Avremmo dovuto aiutarlo quando c'era ancora tempo" disse Goku al Namecciano.

"Andiamo!" disse Gohan, mentre liberava un alone bianco intorno a lui. "Se andiamo tutti insieme, possiamo comunque aiutare Vegeth! Se restiamo qui ad aspettare, saremo sicuramente distrutti!".

"Non vedo altra scelta, hai ragione" disse Piccolo. Anche se sembrava teso, era coraggioso, ed iniziò a togliersi il turbante.

"No, noi resteremo qui" obiettò improvvisamente Goku.

"Sono d'accordo" disse Vegeta. "Nessuno dell'Universo 16 è in procinto di intervenire. Se Vegeth sarà sconfitto, sarà peggio per loro. E non ho alcuna voglia di combattere per loro".

"Ma se Vegeth sarà battuto, moriremo tutti!" sostenne Gohan, prima di fermarsi, interrotto da qualcuno... nella sua mente. Era Piccolo dell'Universo 16!

"Gohan, non dovete intervenire. Abbiate fiducia in noi".

Questo era tutto. Gohan guardò Piccolo del suo universo, poi si rivolse a quello dell'Universo 16, che lo stava guardando a sua volta. Lui, Bra, Goten e Trunks avevano piena fiducia in Vegeth. Gohan si voltò... lui non sembrava voler rinunciare...

"Se Piccolo crede in Vegeth..." disse Goku "...allora io non interverrò".

Vegeta sorrise. Era quello che voleva. Piccolo si rimise il turbante e Gohan lasciò che la sua aura si dissipasse.

Sarebbe andato tutto bene. Vegeth aveva ancora fiducia, e tutti condividevano questa mentalità.

Eppure, nello spazio dell'Universo 16, Bra e Gohan restavano a guardare. Certamente avevano fiducia in Vegeth, ma non l'avevano mai visto più potente di così... si chiedevano quale asso avrebbe celato nella sua manica. Dopotutto, anche se era trasformato in Super Sayan 2, con il suo attuale potere non poteva sconfiggere Broly.

Vegeth finalmente si spostò. Allargò le braccia, con le mani aperte e le dita estese.

"Fino ad ora, non ho mai mostrato a nessuno questo potere... Aaahhhhh!" gridò, facendo emergere tutta l'energia che aveva.

Una luce accecante sembrò fuoriuscire dal corpo di Vegeth, abbagliando ancora una volta spettatori e partecipanti. I Varga rilevarono un enorme picco d'energia, che continuava a salire. Il gigante Namecciano dell'Universo 7, che finora non si era mosso di un millimetro, tranne che per rare situazioni, si coprì gli occhi, colpito dalla nuova sgorgante forza del guerriero nato dalla fusione... una forza che nessuno sembrava in grado di eguagliare!

Vegeth urlò. La sua aura era aumentata, e numerosi e potenti fulmini mostravano non solo la sua forza, ma anche la sua pura volontà. I capelli di Vegeth cominciarono ad allungarsi e le sue sopracciglia scomparirono. La sua massa muscolare era raddoppiata!

Vegeth aveva completato la sua trasformazione... in un Super Sayan 3!

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu