DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Dragon Ball Multiverse: Il Romanzo

Scritto da Loïc Solaris

Traduzione e adattamento di Transporter, ValentDs, BK-81, Crix

Riscopri la storia di DBM con più dettagli! Questo romanzo è verificato da Salagir e contiene anche aggiunte di suo pugno mai raccontate sul manga. Ciò rende questa storia un vero e proprio allegato al fumetto!

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 2 giorni, 6 ore

Intro

Parte 0 :0
Parte 1 :12345

Round 1-1

Parte 2 :678910
Parte 3 :1112131415
Parte 4 :1617181920
Parte 5 :2122232425
Parte 6 :2627282930

Lunch

Parte 7 :3132333435

Round 1-2

Parte 8 :3637383940
Parte 9 :4142434445
Parte 10 :4647484950
Parte 11 :5152535455
Parte 12 :5657585960
Parte 13 :6162636465
Parte 14 :6667686970

Night 1

Parte 15 :7172737475
Parte 16 :7677787980
Parte 17 :8182838485
Parte 18 :8687888990

Round 2-1

Parte 19 :9192939495
Parte 20 :96979899100

Round 2-2

Parte 21 :101102103104105
Parte 22 :106107108109110
Parte 23 :111112113114115

Night 2

Parte 24 :116117118119120

Round 3

Parte 25 :121122123124125
Parte 26 :126127128129130
Parte 27 :131132133134135
Parte 28 :136137138
[Chapter Cover]
Parte 17, Capitolo 84.

PARTE DICIASSETTE - INCUBI

Capitolo 84

"Buona sera!" ansimò Bra. "Ma che diavolo sta succedendo?".

Dei fantasmi vagavano intorno a tutti i partecipanti, mentre Dende, spaventato dalle sue stesse azioni, corse a nascondersi dietro Mirai Gohan.

"Che cosa hai fatto?" gridò Gohan.

"Tu ... tu non puoi lasciarmi" lo pregò Dende.

"Bah" disse Gohan, cercando di allontanarsi da lui. "Sono sicuro che te l'aspettavi".

"Cosa possiamo fare?" chiese Marron, con le lacrime agli occhi.

"Non lo so" gridò il coraggioso Chuck. "Sono terrorizzato dai fantasmi".

"Cosa?" urlò Marron. "Ma... tu sei un eroe! Non puoi aver paura di dei semplici fantasmi".

"E' ovvio che non avete mai visto quel film in cui una ragazza maledetta appare come un fantasma per le persone, dopo che hanno visto un video e li uccide sette giorni più tardi, lasciando una capsula...".

"Una capsula?" chiese Marron.

"Una capsula. Dannazione!" aggiunse Chuck. "E non sono l'unico ad aver paura qui. Guarda! Tutti gli eroi del mondo sono nel mio stesso stato!".

Infatti, Vegeth e il Super Namecciano si stringevano forte tra le braccia, urlando, mentre il fantasma di Tidar si avvicinava. Vegeta lanciò sfere di energia in tutte le direzioni, gridando: "Non avvicinatevi!".

Nelle vicinanze, Goten e Trunks giocavano con il fantasma di Pan, che rideva allo scherzo fatto a Bra. Quest'ultima era sul punto d'esplodere.

"Dai, Vegeta" disse Goku. "Non bisogna aver paura. Guarda, né io né i bambini abbiamo paura".

"Ovviamente" urlò Vegeta. "Devi essere intelligente per aver paura!".

"Io... io non capisco...".

"E' esattamente questo il punto!" esclamò Vegeta.

Sopra loro, una voce tonante esplose.

"Hu hu hu hu hu hu!" gridò Ozotto. "Povero Dende! Hai appena condannato la tua squadra! Hai dimenticato il mio potere speciale?".

"Oh... merda!" gridò Dende.

"Che cosa?" chiese Mirai Gohan, girando la testa per notare Dende che ancora si aggrappava a lui.

"Stavo per dirvelo... ho dimentico del potere speciale di Ozotto...".

"Si, ma qual'è?" chiese Chuck.

"Ha la capacità di assorbire energia dai fantasmi!"

"Oh no!" gridarono i Rangers all'unisono.

Ozotto aveva usato la sua abilità. Concentrò la sua energia... presto, i fantasmi cominciarono a girare intorno a lui, sempre più velocemente.

"E ora... cosa succederà adesso?" chiese Broly jr., rivolgendosi a Dende.

"La sua potenza aumenterà, e probabilmente crescerà" rispose.

"Ne sei sicuro?" chiese Marron.

"Sì, è come ha fatto l'ultima volta".

"Cosa?" gridò il Ranger.

"Uh..." esordì Dende. "Non ve l'ho mai detto? E' successo un paio di mesi fa. Stavo camminando fuori ad uno squallido bar, in un viaggio diplomatico su di un altro pianeta... e ho trovato un bambino alieno".

"Cosa ci faceva lì?" chiese Broly jr. .

"Non lo so. Probabilmente era stato abbandonato da sua madre a causa della sua bruttezza. In ogni caso, l'ho portato sulla Terra. Ero come sua madre... o qualcosa del genere. Ma lui continuava a fare cose stupide. Un giorno ha anche abbattuto il palazzo di Mr. Popo! Purtroppo, il tutto è caduto pesantemente, frantumando anche la torre di Karin, fino a cadere a terra".

"Ah" pensò Gohan. "E' per questo che non riuscivamo a vederla".

"No" disse Marron. "E' morto?".

"Niente affatto" rispose Dende. "Ma mi ha infastidito. E' un uomo di grande temperamento. Gettare via decenni di anni vissuti insieme per un semplice incidente...".

"Comunque, io ero ancora arrabbiato. Così ho deciso di punire il ragazzo. Ho convocato dei fantasmi... ma improvvisamente, egli è fuggito, fino a diventare il vostro peggiore nemico".

"Allora... questa è tutta colpa tua" brontolò Chuck, mentre tutti i Rangers cominciarono ad avvicinarsi a Dende in modo minaccioso.

Dopo aver assorbito l'ultimo fantasma, Ozotto cominciò a crescere. I suoi muscoli si gonfiarono e la sua coda scomparve. Delle strane corna emersero dalla sua schiena.

"La sua forza è aumentata in modo significativo" disse Bra. "Questa non è la fine. Non voglio essere coinvolta, ma sta diventando noioso".

I Ranger di salvataggio finirono Dende. Ora, erano pronti per combattere Ozotto. Si esibirono nella loro miglior danza, poi piombarono verso di lui.

Ma Super Ozotto era due volte più grande di prima, e due volte più forte. Si precipitò verso di loro, affondando un pugno nello stomaco di Marron, facendola sbattere contro Chuck. Insieme si schiantarono vicino al corpo martoriato di Dende.

Yajirobei lanciò la sua spada in aria, ma Ozotto la schivò, ed essa finì per mozzare l'altro braccio di Gohan.

"Noooooooooooo!" gridò. Poi cadde a terra, piangendo e iniziando a strisciare verso il suo braccio mozzato come un verme.

"Oops!" disse Yajirobei, poco prima che un pugno di Ozotto si abattesse contro il suo viso.

Il guerriero solitario rimasto in aria era Broly jr. . Ribolliva di rabbia. Si sarebbe trasformato nel Leggendario Super Sayan? Guardò negli spazi di mondi diversi, sperando di vedere Goku, Kakaroth o anche Goten. Ma la sua vista era oscurata dal fumo, e non riusciva a vederli. Era arrabbiato... suo padre gli aveva imparato a trasformare il suo pensiero in Kakaroth. A volte, la sua trasformazioni si era attivata quando aveva pensato alla sua infanzia. Ma ora, non succedeva niente. I suoi sforzi furono rovinati dall'attacco di Ozotto. Un'onda d'energia proveniente dalla bocca del demone lo colpì, bruciandolo e mandandolo a terra, in fumo.

"Hu! Hu! Hu! Hu! Hu! Hu!" rise Ozotto. "Non potete nulla contro di me!".

Sul terreno, Gohan cercava Trunks, sperando di ottenere un senzu... ma era ancora sotto shock, sdraiato sul terreno. Gli altri Rangers non erano messi meglio. Marron cercò di alzarsi, ma senza successo; Ozotto li avrebbe finiti, di sicuro. Bra si stava preparando a intervenire, sorpresa dal fatto che nessun'altro fosse stato coinvolto. Questa storia era troppo stupida per lei, ma se avesse lasciato che questi idioti morissero, avrebbe avuto dei sensi di colpa.

Nel frattempo, nello spazio dell'Universo 9:

"Pensi che siamo le uniche due persone normali all'interno del Multiverso?" chiese Crilin al suo amico Ten. "Tra tutti questi idioti che continuano a ballare in giro, un mostro che minaccia di distruggere tutti noi e tutti quelli che se la ridono...".

"Beh, ti ricordo che io ho tre occhi e tu non hai il naso. Quindi, per quanto riguarda la normalità, possiamo tranquillamente dimenticarcene...".

Poi un gridò risuono. "STOP!".

Tutti si voltarono, per osservare colui che aveva parlato. Goku dell'Universo 18 parve riconoscere la voce. Si voltò verso lo spazio dell'Universo 9, ma Crilin sembrava sorpreso come gli altri. Ma Goku era sicuro di aver sentito la sua voce. Poi vide un piccolo uomo salire le scale degli spalti. Lentamente, egli uscì dall'ombra, rivelando il suo volto.

"Oh, Crilin!" esclamò Goku. "E' quello del nostro universo? Non sapevo fosse qui!".

"Nemmeno io" rispose Gohan, guardando suo padre.

In quel momento, Goku capì che suo figlio non stava guardando nel suo stesso punto, ma dall'altro lato. Seguì gli occhi di Gohan, e vide un altro Crilin salire rapidamente un'altra rampa di scale, più vicine allo spazio dell'Universo 16.

"Crilin?" gridò Vegeth dell'Universo 16. "Che cosa ci fai qui?".

Entrambi i Crilin volarono, atterrando contemporaneamente sul ring.

"Beh" disse uno all'altro. "Sei venuto anche tu?".

"Certo" rispose lui. "Se ho ben capito la logica di questo torneo, noi siamo la stessa persona. E' logico che entrambi noi abbiamo deciso di intervenire".

"Sì, non possiamo lasciare che nostra figlia muoia. Anche se è di un altro mondo".

"Beh" disse Yamcha dell'Universo 9 verso il suo Crilin. "Sono come te. Ti somigliano, ma hanno i capelli".

"Sono molto più bello senza capelli" sottolineò Crilin. "E non hanno il mio fantastico scudo. Io sono molto meglio".

Ozotto, che non aveva apprezzato quest'interruzione, atterrò sul ring.

"Chi siete, piccoli uomini?".

"Lo saprai presto" dissero i due Crilin. "Riveleremo una terribile verità: la verità sulla nostra vita".

Con una mano sul cuore, i due alter-ego iniziarono il monologo rivelatore.

"Per tanto tempo" disse Crilin dell'Universo 18. "Ho nascosto il mio potere a tutti voi. Ho nascosto tante cose...".

"Papà, no!" gridò Marron.

"Questo non è davvero tuo padre" disse Chuck.

"I miei genitori sono morti su una crociera d'amore, e questi Crilin sono tutto ciò che ho".

I membri degli universi 18 e 16 furono sorpresi, non sapendo cosa pensare.

"E' il momento di rivelare tutto" disse Crilin dell'Universo 16. "Sono nato da Padné e Tanakin dal pianeta Senzanaso. Sono stato mandato sulla Terra per conquistarla".

"Mi è stata affidata una missione che consisteva nel trovare l'uomo più forte dell'intero pianeta" continuò il Crilin dell'Universo 18. "Cosa che ho fatto. E' stato allora che ho incontrato un bambino, anch'egli inviato per conquistare la Terra...".

Mentre tutti ascoltavano, storditi e increduli, Goku sembrava confuso.

"Ma di cosa sta parlando?".

"Sei un imbecille!" gridò Vegeta. "Questo nano mi da fastidio. Cosa vuole dire?".

"All'inizio..." disse il Crilin del 18. "... c'era una certa rivalità tra me e Goku. Poi siamo diventati amici. Ho deciso di proteggere la Terra, dato che il Sayan stava diventando sempre più potente".

"Certo" disse Crilin dell'Universo 16. "Ero molto più potente. Così ho nascosto i miei poteri, semplicemente guardando ciò che veniva fatto. Ho abbassato la mia forza per non farmi notare".

"Il trucco è stato controproducente. Sono finito per morire. Diverse volte".

"Ogni cosa" gridò Vegeta. "Siamo in grado di dimostrare che non è vero!".

"Beh" disse Crilin. "Io non ho il naso. Questo dovrebbe essere una prova sufficiente per le miei origini Senzanasali".

"Non mi interessano le tue origini, sciocco!" gridò Vegeta. "Sto parlando della tua forza!".

"Oh, bene. Te ne darò una dimostrazione allora".

Entrambi i Crilin alzarono le mani sopra la loro testa... e rimossero le loro parrucche.

"E' una parrucca?" esclamò Goten dell'Universo 18, stordito.

"Dopo il mio matrimonio con C-18, gli ho raccontato tutta la verità. Ero un alieno. Avevo troppo potere. Se mi sarei battuto, avrei potuto eliminare tutti quelli che volevo. Gli ho parlato della mia fonte di energia infinita: la mia bella testa lucida. Così mi ha consigliato di coprirla con questa parrucca".

"Se questo è vero, dovrebbe essere fortissimo!" disse Yamcha dell'Universo 9 a Crilin del suo mondo. "Sei ancora calvo".

"Ah" rispose. "D'ora in poi, passero la cera sulla mia testa. Se solo l'avessi saputo prima...".

"Ma" intervenne Ten. "non sei consapevole delle tue origini?".

"No. Sono caduto sulla testa quando ero bambino. Sarà per questo".

I due Crilin cominciarono a concentrare la loro energia. Improvvisamente, si trasformarono. I loro muscoli erano aumentati a dismisura... sembrava la tecnica del Maestro Muten.

"Mio Dio" mormorò Vegeta.

"Per tutti i demoni dell'inferno!" esclamò Piccolo.

"Oh, merda" si lamentò Ozotto.

Analizzando tutto questo potere, improvvisamente tutti gli scouter presenti nello stadio esplosero.

"E'... più forte del mio Super Sayan 3!" gridò Goku.

"E' persino più potente della mia forma mistica!" esclamò Gohan, ricadendo sul sedere.

"Ma... dannazione!" urlò Vegeta. "Era l'unico della banda più scarso di me! Come può essere più forte?".

"Sei molto potente" ammise Ozotto. "Ma non è abbastanza".

"Lo sappiamo" risposero i Crilin. "Perciò... noi... attueremo la FUSIONE!".

"Avrà ancora bisogno di ulteriore potenza" pensò Vegeth.

Ma i Crilin degli universi 16 e 18 eseguirono la danza che avevano imparato solo pochi anni prima... ed i loro corpi si unirono in un unico SUPER PERFECT CRILIN!

Il pubblico era in delirio! Dende (dopo aver recuperato dalla batosta dei Rangers) gridava; le ragazze urlavano, con un ardente desiderio che sprizzava da tutti i pori. Super Crilin era bellissimo. I suoi muscoli erano enormi, la giacca aperta esponeva il suo bel petto. La sua lunga cintura svolazzava dietro di lui. Il suo sguardo era cupo. Il suo potere esplose.

"Beh, il gioco è fatto" mormorò Vegeth. "E' più forte di me".

"E' bellissimo!" esclamò Videl, stringendo il suo cuore.

"Che cosa?" esclamarono entrambi i Gohan degli universi 16 e 18.

"Tutto ciò che si potesse desiderare" disse Bra.

"Non male" disse Marron, guardando suo padre.

"Quindi, in pratica..." esordì Chuck. "... tu sei il figlio illegittimo di un robot e di un alieno senza naso?".

"Questo spiega perché Marron è così forte" disse Videl.

"Non spiega perché Yajirobei e Satan sono forti, però" disse Goku, incuriosito.

"Beh, non hai visto il mio scouter? Sono un Sayan! Dovrebbe essere ovvio" gridò Yajirobei. "Inoltre, nascondo la mia coda sotto il costume".

"Questo è da revisionare" mormorò Dende, con aria turbata.

"Ah" disse Bulma dall'Universo 9. "Che stia dicendo la verità o meno, le code stanno tornando di moda".

"Bene" disse Ozotto a Super Crilin. "Combatteremo. Il tuo potere è aumentato, ma io non ho paura di te".

La battaglia cominciò. Super Crilin si precipitò verso il nemico. Ozotto era enorme, ma l'imponente muscolatura di Super Crilin compensava il tutto.

Si scambiarono rapidi calci e pugni.

Nello spazio dell'Universo 4, il partecipante solitario guardava con aria delusa.

"E nel mio mondo l'ho ucciso, anziché assorbirlo" si lamentò Bu. "E ora è più forte di me..." cominciò a contare i granelli di sabbia.

La lotta durò per pochi minuti. Super Crilin era impressionante; tutti erano esaltati, tranne Vegeta che brontolava nel suo angolo: la verità era difficile da accettare.

Fu allora che accadde un avvenimento che cambiò tutto. Una piccola pallina di gomma rosa, corse verso Crilin, colpendolo duramente. Urlò, mentre essa lo inghiottiva, e tornava a tutta velocità verso il suo proprietario. Bu dell'Universo 11 aveva assorbito Super Crilin.

"Merda!" disse Bu dell'Universo 4. "Non pensavo che l'altra versione di me lo facesse!".

"Bu, che cos'hai fatto?" gridò Babidy. "Non hai il diritto di assorbire le persone al di fuori degli incontri. Sputalo fuori, forza!".

"Bu?" disse Bu, che chiaramente non capiva il problema.

"Sei almeno un po' più forte?" chiese Babidy. "Non sei cambiato in apparenza".

"Ma Maestro..." disse Darbula "... guardalo bene. E' un po' più piccolo, ha sei punti sulla fronte... e non ha un naso!".

Babidy continuava a guardare le minime modifiche del suo Majin, mentre Ozotto attendeva impaziente...

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu