DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

DBM Universi 12-14 e "Mirai" world : Twin Pain

Scritto da Foenidis

Traduzione e adattamento di kibasennin, Prosavio, ValentDs, SonGoku94

In questo mondo alternativo "del futuro" da cui è venuto Mirai Trunks a bordo di una macchina del tempo, tutti i nostri eroi furono uccisi dai cyborg... Questa storia ne racconta i dettagli, con una parte narrativa comune per gli universi 12 e 14.

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 19 ore, 45 min

1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435363738394041424344454647484950515253545556575859606162
[Chapter Cover]

Traduzione di SonGoku94 e Prosavio

Intanto, Crilin, in un bagno di sudore, giaceva sotto la copertura di un tetto e stava guardando la scena. La paura stava trasformando il suo sangue in ghiaccio e gli fa aumentare la presa su quella piccola scatola, che emette un leggero scricchiolio sotto quella pressione.

Il guerriero fa un sobbalzo e guarda il piccolo oggetto… L’ultima cosa di cui avevano bisogno era che lui rompesse il dispositivo prima ancora di poterlo utilizzare.

Ma per usarlo avrebbe dovuto essere più vicino ai due assassini. E questa idea lo pietrifica a causa del panico. Il solo pensiero di farlo gli arresta il flusso di sangue sulle gambe, e gli fa stringere i denti in un incontrollabile spasmo, facendogli liquefare la sua volontà… volontà che sente diluirsi nel fiume di sudore freddo che si stava spargendo lungo tutta la sua schiena.

Ma Gohan contava su di lui, e anche Bulma… così come i suoi amici passati a miglior vita! Un velo scuro grava sul suo cuore, e sente un nodo che crescere sempre più nella sua gola… Non avrebbero potuto resuscitare nessuno ora.

Ragione in più per farlo!

Si sforza per raccogliere quello che la forza di volontà gli aveva lasciato: quei due schifosi scarti di lavorazione avevano fatto abbastanza danni, abbastanza vittime. Se Goku fosse stato lì, non avrebbe mai detto di arrendersi!

Goku… Lo stava guardando ed incoraggiando da lassù! Crilin ne era sicuro.

Questo pensiero calma almeno un po' il combattente vestito d’arancione. Tutto quello che gli è rimasto da fare è aspettare il momento in cui Vegeta e Gohan avrebbero monopolizzato la loro attenzione con un combattimento sostenuto.

Guarda un’altra volta la piccola scatola. Nella sua testa, la voce di Bulma lo rassicura, tant’è che l’aveva ricordata anche durante il tragitto:

“Quando premi questo bottone, e non appena la piccola lampadina blu si illuminerà… normalmente, qualsiasi circuito stampato che si trova entro quindici metri di distanza verrà immediatamente distrutto dall’alta frequenza delle onde Maser emesse da questo piccolo miracolo in scatola...”

Crilin non aveva idea di cosa potesse essere l’onda Maser. Ma che importava? Quando lui e Gohan si erano fermati vicino a un robot spazzino che stava pulendo un marciapiede, avevano premuto detto pulsante dopo aver sbloccato la sicura… E proprio quando l’indicatore è diventato blu, non solo avevano fermato il piccolo robot con uno strano fischio, ma anche tutti i semafori dell’incrocio, tutti i veicoli circostanti, le insegne dei negozi, i registratori di cassa, i televisori nei negozi di elettrodomestici…

Tutto aveva smesso di lavorare in quello stesso istante, fischiando insieme. E nel bel mezzo del caos, numerose persone stavano vociferando mentre picchiettavano e scuotevano i loro PDA, i loro orologi, i loro MP3, o i loro cellulari, mentre qua e là, potevano vedere finestre che si aprivano e le persone che chiamavano i passanti per chiedere se ci fosse stato un guasto generale.

Crilin si lascia sfuggire un piccolo sorriso ricordandosi la grassa risata di Gohan quando aveva detto che Bulma non lo aveva testato nel suo laboratorio e aveva chiesto loro di essere abbastanza lontani per farlo. Il giovane ragazzo aveva imitato, ed esagerato, le probabili espressioni del Dottor Brief se avesse visto tutti suoi preziosi dispositivi andati in fumo.

Ma ora non era il momento per l’umorismo. Lo sguardo del piccolo guerriero si indurisce osservando la battaglia che si stava svolgendo poco più lontano.

Grazie all’esperienza durante la battaglia precedente, e anche perché era stato portato a un passo dalla morte, Gohan resisteva molto meglio alla furia di C-17.

Para con maestria i formidabili pugni del cyborg e non cede alla pressione del guerriero meccanico. Tuttavia, non riesce a fare in modo che la lotta si sposti in un'altra direzione, per conseguire il suo obiettivo.

Agli impressionanti colpi del loro duello fanno eco quelli dello scontro tra Vegeta e C-18.

Questa battaglia era anche più bilanciata. La creazione del Dottor Gelo incassava i colpi incredibilmente potenti di un implacabile Vegeta.

Son Gohan li guarda con la coda dell’occhio… come poteva riunire il fratello e sua sorella insieme senza l’aiuto di Vegeta, che tra l’altro doveva stare all’oscuro di tutto questo?

Si pente di questo calo di concentrazione. Un potente pugno lo colpisce con spaventosa brutalità. Stordito, non può parare la ginocchiata che segue, e nemmeno il doppio pugno che lo colpisce sulla nuca. Il ragazzo cade a terra, ma il cyborg non gli concede un attimo per girarsi e rialzarsi. Lo colpisce con i piedi per primo. Gohan resiste all’attacco e reagisce prima che il suo avversario potesse continuare. Appoggia le mani al suolo e usa la spinta per lanciarlo in aria. Poi, con un doppio scatto di energia, sale di quota. Aumentando il flusso di energia nella parte destra del suo corpo, la estende intorno velocemente, unendo le mani a lato e inizia mormorando le famose sillabe, ancor prima di aver completato il movimento. Così, era quasi nella posizione giusta, pronto a bombardare C-17, il quale si preparava ad attaccare ancora… Gohan grida l’ultima sillaba mentre tende le mani per aprire il fuoco.

“HAAAAAAAAAAAAAAA!!!!”

Il leggendario raggio della Kamehameha coglie di sorpresa il cyborg, che non si aspettava un attacco così rapido, e finisce brutalmente schiantato sul terreno.

Non molto lontano da loro, Vegeta era riuscito a immobilizzare C-18 con un’intelligente morsa, tenendole il braccio dietro la sua schiena. Visto che molto probabilmente desiderava vederla in ginocchio, lotta per provare a piegarla, ma nonostante il successivo aumento di potenza, la biondina bionica resiste alla forte pressione e continua a stare in piedi. Riesce addirittura a fare un passo all’indietro per tentare uno sgambetto al Saiyan, ma Vegeta resta saldamente in posizione.

Il trambusto provocato da un formidabile flusso di energia attira l’attenzione della giovane donna, che riusciva a malapena a vedere la figura del fratello, credendolo in difficoltà per via della pioggia di fuoco che il giovane ragazzo gli stava scaricando contro. Era ovvio che stava usando tutta la sua forza per riuscirci.

I detriti venivano frantumati dalla forte esplosione che il terribile colpo aveva causato tutto intorno.

Vegeta ringhia interiormente: quel ragazzino non aveva imparato niente durante le sue lezioni…? Sprecare la sua energia in questo modo era assolutamente da idioti! Se l’attacco è stato inefficace quando l’ha colpito, è ovvio che anche ora non avrebbe causato alcun danno al cyborg. E scagliarlo sul terreno era inutile! A meno che… A meno che… Sì! Sembrava che stesse cercando di avvicinarsi.

C-18, pensando che Vegeta fosse distratto, lo stordisce con una violenta testata all’indietro, e successivamente, tira fuori la sua mano sinistra per sparare un colpo sul piccolo Saiyan, ovviamente con l’intento di aiutare suo fratello.

Questo fatto non piace a Vegeta, che molla la sua presa per scagliare la donna contro il suolo con una mossa degna di un campione di judo, ma con una forza inesorabile. Lo shock è terribile, e a causa del terribile urto, i detriti di cemento rinforzato si distruggono al formidabile impatto.

Approfittando del vantaggio, e senza lasciarle il tempo di riprendere fiato… schiaccia con cattiveria il viso della giovane donna con un piede, raccogliendo tutta l’energia che possedeva. La faccia distorta di C-18 affonda inesorabilmente sul terreno, mentre il Saiyan le impedisce di muoversi torcendole ferocemente il braccio, tirandolo con tutte le sue forze in ogni direzione.

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu