DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

DBM Universi 12-14 e "Mirai" world : Twin Pain

Scritto da Foenidis

Traduzione e adattamento di kibasennin, Prosavio, ValentDs, SonGoku94

In questo mondo alternativo "del futuro" da cui è venuto Mirai Trunks a bordo di una macchina del tempo, tutti i nostri eroi furono uccisi dai cyborg... Questa storia ne racconta i dettagli, con una parte narrativa comune per gli universi 12 e 14.

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 3 giorni, 8 ore

1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435363738394041424344454647484950515253545556575859606162
[Chapter Cover]

Traduzione e adattamento di Prosavio

Due personaggi squarciano il cielo alla velocità della luce.

Due piccoli puntini colorati che si tuffano verso una casetta situata ai margini di una foresta profonda.

Nella piccola dimora rimbomba un suono simile a quello di un martello.

Al primo piano, una sagoma imponente è inginocchiata sul tetto, inchiodando diligentemente dei piccoli bastoncini di legno che manterranno in posizione la nuova finestra che sta installando.

L’uomo barbuto, che indossa un copricapo con delle corna, interrompe improvvisamente il suo lavoro e si raddrizza per guardare il cielo con curiosità.

Poi comincia a scendere dalla sua postazione, lasciandosi scivolare verso il suolo più abilmente di quanto il suo pesante corpo potesse fare… per poi dirigersi verso la porta di ingresso e chiamare sua figlia:

“Chichi… abbiamo delle visite!”

La giovane donna, circondata da un grembiule da cucina e con un mestolo in mano, si precipita letteralmente fuori dalla piccola casa e, usando l’altra mano come visiera per gli occhi, fissa la direzione indicata dal braccio teso di suo padre:

“Chi è…? Piccolo che riporta Gohan…?!”

Gyumao non risponde, se i suoi sensi gli hanno permesso di rilevare l’arrivo di quei viaggiatori volanti… non sono però in grado di identificarli a una tale distanza… fissa gli occhi su quelle sagome che diventano sempre più grandi, e aspetta per saperne di più… Conosce sua figlia, e confessarle la sua ignoranza non farebbe altro che decuplicare la sua impazienza.

Beh, non dovrà aspettare per molto tempo… perché questi due ragazzi si muovono dannatamente in fretta… dopo tutto, potrebbero proprio trattarsi del guerriero verde e del suo nipotino.

La prospettiva di questa riunione improvvisata riesce a dipingergli un sincero sorriso sulle sue labbra.

Aveva tanto temuto che quel futuro ometto che gli piaceva così tanto fosse stato allontanato da loro per un altro anno, per via di quel grosso verme col mantello bianco!

Il tempo di questa breve riflessione, e il duo è già arrivato… Ebbene, non si tratta di Gohan con Piccolo, né di Crilin, Yamcha, e nemmeno Vegeta… no, sono due sconosciuti… un giovane ragazzo, e una ragazza…

Mentre i due giovani si sono tenuti a una certa distanza verticale da loro, osservando per un istante lo strano spettacolo di alberi nudi disposti tutti intorno alla casetta, il viso di Gyumao perde la sua aria gioviale che di solito lo caratterizza.

Non li conosce, ma la cerchia di persone capaci di spostarsi così bene in aria è abbastanza ristretta affinché possa dubitare della loro identità.

I battiti del suo cuore potente accelerano, sentendo la presenza di sua figlia proprio dietro di lui.

Ma per il momento, i due cyborg sembrano realmente ignorare l’uomo e la donna fermi davanti alla casa. Si dirigono direttamente verso il cratere che sfigura il piccolo prato proprio dietro l’edificio… una “ferita” aperta la cui circonferenza contiene una pietra tombale che non è ancora stata rovinata dal tempo.

Entrambi si avvicinano al centro del cratere profondo… C-17 posa un ginocchio a terra per prendere un po’ di quella terra molle e lasciarla colare tra le dita della sua mano, coperta da un guanto.

C-18 lancia di conseguenza la sua domanda:

“Vegeta…?”

Il giovane uomo si alza: “E chi altri...?!”

La ragazza cammina per raggiungere la stele che accarezza lentamente con la mano, con un piede posato sul piccolo e semplice monumento, dove un tumulo di terra con dei fiori ha sostituito ciò che la furia del Principe Saiyan aveva spazzato via.

“Ecco, allora, dov’è finito…”

Suo fratello la raggiunge… anch'egli tende una mano, ma ferma il suo movimento dopo aver toccato la struttura di pietra riscaldata dal sole.

L’azzurro puro dei suoi occhi sembra ipnotizzato dal nome inciso sul piccolo blocco di granito…

Improvvisamente ruota il capo emettendo un ruggito:

“È insopportabile!”

C-18 abbassa per un momento la testa, e il suo sguardo sembra perdersi nel grigio della tomba eretta di fronte a loro… poi posa una mano confortante sulla spalla di suo fratello.

“Siamo liberi, questa è la cosa più importante!”

Poiché il cyborg non reagisce, continua con un tono più allegro:

“E poi possiamo ancora divertirci con la sua piccola banda… no…?”

Come un colpo accidentale, una folata di vento solleva i capelli dei due giovani, mentre dei pallini di grandine al piombo si sono schiantati contro il loro volto e il loro busto, provocando numerosi fori sui loro vestiti prima di cadere a terra.

Un po’ sorpresi, si rendono conto della presenza vicina della moglie di Goku… una Chichi trasformata in una specie di Rambo femminile… le sue labbra scoprono dei denti simili a delle zanne di un mostro furioso. Ai suoi piedi, miseramente appeso a una delle sue caviglie… un gigante, disperato per non essere riuscito a fermarla, stava guardando con angoscia le vittime dell’ira di sua figlia… vittime che non avevano minimamente risentito dei potenti colpi dell'arma da fuoco.

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu