DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

DBM Universi 12-14 e "Mirai" world : Twin Pain

Scritto da Foenidis

Traduzione e adattamento di kibasennin, Prosavio, ValentDs, SonGoku94

In questo mondo alternativo "del futuro" da cui è venuto Mirai Trunks a bordo di una macchina del tempo, tutti i nostri eroi furono uccisi dai cyborg... Questa storia ne racconta i dettagli, con una parte narrativa comune per gli universi 12 e 14.

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 2 giorni, 12 ore

1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435363738394041424344454647484950515253545556575859606162
[Chapter Cover]

Traduzione e adattamento di Prosavio

Il giovane Saiyan inizia a perdere un po’ i riflessi… e a dire il vero manca anche di esperienza…

Naturalmente ha passato un anno con Piccolo… ma è trascorso molto tempo da allora… e comunque aveva passato sei mesi solo a sopravvivere.

E per quanto riguarda l’anno trascorso con Vegeta… nei primi nove mesi ha soprattutto incassato colpi… di volta in volta più pesanti!

Tutto sommato… l’allenamento vero e proprio è durato giusto tre mesi, durante i quali ha dovuto controllare la sua energia di Super Saiyan.

È poco… troppo poco, per affrontare un avversario con un livello simile… un avversario con delle reazioni così diverse da quelle di Vegeta, di Piccolo e di suo padre, per il poco tempo che ha potuto passare con lui prima della malattia…

In più, il ragazzo ha un grosso difetto, di cui era cosciente, e che aveva fatto irritare Vegeta… non ha spirito combattivo… nessuna aggressività naturale… ha bisogno dell’adrenalina dovuta a una buona dose di collera, affinché possa dare il meglio di sé.

E proprio ora… la sua collera era diminuita, così come le sue energie, crollate improvvisamente… battersi con una tale intensità, trasformato in Super Saiyan… questo consuma tantissima collera ed energia!

Così, con un sentimento di stanchezza, il bambino guarda l’infaticabile cyborg che si lancia di nuovo all’attacco… i colpi della creatura hanno lasciato delle dolorose tracce, che in questi attimi di pausa si stavano amplificando…

Ma non ha altra scelta… deve combattere!

Deve farlo per suo nonno… per la sua stessa vita… per Crilin…

Crilin… cosa hanno potuto fargli quei mostri per ridurlo in questo stato?

Deconcentrato, Gohan viene colpito in pieno da un terribile doppio pugno dello spietato C-17, giunto su di lui veloce come un razzo.

Il dolore è folgorante, e il piccolo sognatore si risveglia…

Riprendendo la concentrazione, fa due giri su se stesso per dare ancora più potenza al suo calcio rotante… che però viene nettamente stoppato dall’invincibile cyborg!

Un guerriero più esperto avrebbe saputo che un colpo come quello è inefficace… soprattutto senza effetto sorpresa. Bisogna essere sicuri che l’impatto sia abbastanza potente da stabilizzare l’avversario…

Il cyborg, d’altra parte, non gli lascia tempo per reagire.

Impugnando saldamente la caviglia del bambino, per poi bloccargli un braccio… C-17 gli spezza letteralmente le reni sul suo ginocchio…

Lo shock è terribile… Gohan ha una visione distorta… la luce durata dei suoi capelli vacilla, mentre il cielo è cosparso da piccole scariche luminose…

Il cyborg sa di aver vinto.

Tuttavia, lancia il corpo del piccolo in aria per crocifiggerlo con un colpo diretto e un sorriso crudele…

È tornato allo stato normale… e senza reagire, sembra destinato a cadere come un sasso.

Ma non tocca il suolo.

Con un’entrata in scena inaspettata, Piccolo ferma la sua caduta.

L’espressione del suo volto e del suo sguardo la dicono lunga sui sentimenti che animano il grande Namecciano.

C-17 reagisce immediatamente scagliando un nuovo colpo sul combattente appena arrivato:

“Sporco bastardo!”

Con un semplice movimento della mano… l’alieno neutralizza completamente l’attacco.

Il cyborg scende di quota fino all’altezza dell’intruso:

“Hai barato… ormai ha perso!”

Il Namecciano risponde con voce grave… con la bocca distorta da un odio profondo:

“È solo un bambino!”

C-17 ha la risposta pronta:

“Nessuno l’ha obbligato a venire qui e a giocare con i grandi!”

Piccolo stringe il pugno ulteriormente… brucia dal desiderio di chiudere il becco a quell’insolente… di vendicare tutti i suoi amici assassinati… di fargli pagare quel calvario che aveva fatto subire a quel bambino che considerava come un figlio.

Ma in realtà… non ha i mezzi per farlo… ha già corso un enorme rischio esponendosi in quel modo!

I suoi occhi si muovono osservando i due gemelli sanguinari… con la coda dell’occhio guarda anche Crilin… non poteva aspettarsi alcun aiuto da lui… il piccolo guerriero ormai è come un’ombra senza anima…

Sente sul suo braccio il peso del bambino sconfitto… quel bastardo di Vegeta… l’ha preso sotto la sua responsabilità per poi lasciarlo andare da solo a quel massacro!

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu