DB Multiverse

Home Fumetto Minicomic Fan Art Autori FAQ Canali RSS Bonus Eventi Promo Siti Affiliati Tabellone del Torneo Lista degli Universi
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

DBM Universi 12-14 e "Mirai" world : Twin Pain

Scritto da Foenidis

Traduzione e adattamento di kibasennin, Prosavio, ValentDs, SonGoku94

In questo mondo alternativo "del futuro" da cui è venuto Mirai Trunks a bordo di una macchina del tempo, tutti i nostri eroi furono uccisi dai cyborg... Questa storia ne racconta i dettagli, con una parte narrativa comune per gli universi 12 e 14.

La prossima pagina verrà rilasciata tra: 6 ore, 05 min

1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435363738394041424344454647484950515253545556575859606162
[Chapter Cover]

Traduzione e adattamento di Prosavio

L’incantesimo non dura… Non dura mai a lungo…

La cruda realtà lo spazza via in un attimo, quando la voce di C-17, a un tratto, tuona:

“Fine del primo tempo!”

Crilin e Yamcha restano sorpresi: “Primo tempo?!!”

Il calvario, quindi, non è ancora finito…?

Già! Ma dopo tutto, c’è ancora del tempo… un po’ di speranza… un po’ di vita… ancora…

Anche se, in realtà, da questi psicopatici ci si può aspettare ancora di tutto… Potevano annunciare il “secondo tempo” e ucciderli uno dopo l’altro nel giro di pochi secondi.

Meglio non rischiare.

Senza consultarsi, avendo visibilmente seguito lo stesso ragionamento, i due amici scattano in aria contemporaneamente senza preavviso… i due gemelli li guadano salire sopra di loro…

Prendere le distanze… non lasciarli avvicinare è la migliore strategia per sperare di sopravvivere… né l’uno né l’altro sono ormai in grado di continuare una lotta così sostenuta… la distanza dovrebbe permettere loro di anticipare gli attacchi… e di rimanere vicini, in modo da poter parare i colpi con la loro forza congiunta…

Grosso errore!

Ma avevano forse altra scelta?

Senza dubbio no… ma è certo che tra pochissimo tempo i due amici avrebbero dovuto affrontare un inferno di fuoco… una moltitudine di sfere esplosive che sarebbero sopraggiunte da tutte le direzioni…

Impossibile stare nel bel mezzo di questa esplosione infernale… anche unendo le forze, non hanno più abbastanza energia per uno scudo efficace!

Parano, schivano, scivolano attraverso le esplosioni per farsi strada e uscire da quella trappola letale…

Yamcha non ha il tempo di cercare lo sguardo del suo amico… una serie di colpi lo prende in pieno prima ancora che potesse capire di essere sotto attacco.

C-17 lo aspettava al varco, e stavolta non si sarebbe preoccupato di trattarlo con gentilezza.

Yamcha sente i suoi organi esplodere, le sue ossa scricchiolare sotto la valanga inarrestabile… un ultimo colpo lo manda ancora una volta al tappeto, tra esplosioni e gocce di sangue.

Il fumo provocato dalle esplosioni multiple si dissipa appena, e Crilin riesce a intravedere l’amico che cade a terra sanguinante…

Si precipita subito dietro di lui… ma C-18 gli sbarra la strada…

Sorpreso, Crilin guarda con stupore lo sguardo malizioso e spietato che si trova di fronte… uno sguardo impassibile, un vicolo cieco…

Rivede allora una scena simile… quando in una situazione come questa Yamcha e Piccolo stavano per perdere la vita. Improvvisamente realizza con orrore che sta per succedere di nuovo… Il gioco è fatto!!

Vogliono ancora una volta sentire le sue suppliche…!

Probabilmente era quello che cercavano di fare uccidendo Gyumao proprio davanti ai loro occhi!

Crilin urla di rabbia… è insopportabile!

C-18 sorride, sa che il giovane uomo ha capito tutto…

Crilin è disorientato… piegare il suo orgoglio per salvare l’amico non gli crea problemi… ma avrebbe funzionato?

Sconfitto… abbassa la testa, borbottando…

“Pietà… per favore… non uccidetelo…”

C-17 scuote la testa negativamente, avviandosi nel frattempo in direzione di Yamcha, che cerca di alzarsi, gemendo, e parla con tono scherzoso, come se fosse una semplice battuta:

“Troppo presto… è ancora troppo presto…”

Il cuore di Crilin si ferma ancora una volta…

Questa spazzatura ha l’intenzione di torturare il suo amico già pesantemente ferito!

Fino a che punto può andare la sua crudeltà…?

Vegeta era un vero angelo, di fronte a un simile mostro!

Vegeta… solo che… non c’era mai nel momento del bisogno!

La collera scorre nuovamente nelle vene del guerriero… era fuori questione che potessero toccare anche un solo capello di Yamcha!

Stringe i denti… sente la rabbia più forte… deve scavare in profondità per raccogliere tutte le sue risorse… trovare la forza… e cogliere quei mostri di sorpresa…

Lo sforzo è talmente sovrumano che ha l’impressione di aspirare se stesso dall’interno!

La carne delle sue mani viene dolorosamente colpita dal flusso di energia, e le sue dita sono come in fiamme… Ancora un po’, e non avrebbe mancato il bersaglio…

Per fortuna, l’altro si prende tutto il tempo per scendere… e beffarsi di lui, per torturargli la mente… quel bastardo! È così sicuro di averlo visto al massimo delle sue possibilità… e che sta attendendo inutilmente!

Con discrezione, Crilin porta le sue mani indietro, affinché i cyborg non possano vedere il bagliore di energia che inizia a concentrarsi…

Ancora un po’ di pazienza…

Improvvisamente… urla, urla per liberare con forza la sua rabbia trattenuta e sprigionare la sua energia… riesce a distogliere l’attenzione dalle sue mani che lentamente sprigionavano una forte luce in continuo aumento.

Commenti sulla Pagina:

Caricamento dei Commenti in corso...
[it]
EnglishFrançais日本語中文EspañolItalianoPortuguêsDeutschPolskiNederlandsTurcPortuguês Brasileiro
MagyarGalegoCatalàNorskРусскийRomâniaCroatianEuskeraLietuviškaiKoreanБългарскиעִבְרִית
SvenskaΕλληνικάSuomeksiEspañol Latinoاللغة العربيةFilipinoLatineDanskCorsu